Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Agricoltura, l’Ue approva il Psr: 314 milioni di euro per la Liguria

Regione. “La priorità per la Liguria è lo sviluppo e questi soldi già nei prossimi mesi potranno finanziare nuove imprese, aiutare i giovani agricoltori e tenere in sicurezza un territorio fragile come il nostro, portando ricchezza e creando occupazione”.

Il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti esprime soddisfazione dopo aver incontrato, con l’eurodeputato Alberto Cirio e l’assessore regionale ligure all’agricoltura Stefano Mai, nella sede del parlamento Europeo di Strasburgo, il Commissario all’agricoltura Phil Hogan. L’obiettivo del confronto era concordare nel dettaglio le fasi di attuazione del Piano di sviluppo rurale (PRS), approvato ieri in Commissione, che porterà quasi 314 milioni di euro in Liguria.  

“Abbiamo atteso molto questo piano, bloccato da lungaggini burocratiche di vario tipo, e oggi grazie al lavoro della Commissione Europea con l’aiuto del Parlamento siamo riusciti a sbloccare questi fondi. Credo che già nel prossimo mese di novembre i primi bandi verranno pubblicati e quindi imprese e amministrazioni potranno agevolarsi di questo denaro”. 

“Un accordo prezioso”, ha invece sottolineato l’eurodeputato di Forza Italia, membro della commissione agricoltura, Alberto Cirio: “Giovanni Toti in pochi mesi ha sbloccato quello che era fermo da un paio di anni e ce l’ha fatta attraverso un lavoro di squadra e mettendo a frutto i suoi rapporti a Bruxelles. Io come membro della commissione agricoltura ho fatto da ponte con il commissario Phil Hogan risolvendo dei problemi che sembravano insormontabili. Vogliamo cambiare questa Europa e non sprecare le opportunità  che ci offre”.

L’assessore regionale all’agricoltura Stefano Mai ha invece sottolineato l’importanza del Piano soprattutto per la salvaguardia del territorio: “Sviluppando l’agricoltura nei territori rurali e montani possiamo fare un lavoro di contrasto al dissesto idrogeologico in una regione fragile come la Liguria. Facendo insediare nuove aziende daremo una risposta a quei territori che non riescono a fare interventi perché troppo onerosi o, addirittura, perché bloccati dal patto di stabilità.  Sarà quindi uno strumento fondamentale per porre rimedio a questo fenomeno”.

Al termine dell’incontro il Presidente Toti ha invitato il Commissario Hogan a visitare la Liguria per verificare insieme l’efficacia degli investimenti e il viaggio, come concordato, si terrà nei primi mesi del 2017.