Rapina

Via Prè, furto di telefonino, arrestato grazie alla memoria del derubato

polizia di stato

Genova. Si è presentato ieri mattina presso gli uffici del Commissariato Prè, per denunciare la rapina subita la sera precedente. L’uomo ha raccontato ai poliziotti che, mentre camminava in via Prè con il proprio cellulare in mano, è stato avvicinato da un individuo che, con fare aggressivo, lo ha minacciato facendogli credere di possedere un coltello, per poi strappargli il telefono e fuggire nei vicoli limitrofi.

La vittima ha fornito una descrizione talmente accurata che gli agenti, grazie anche alla ottima conoscenza del territorio, hanno ipotizzato che l’autore della rapina potesse essere un noto pregiudicato e tossicodipendente che gravita nel centro storico.

Tale supposizione è stata confermata dal riconoscimento fotografico a cui è stato sottoposto il denunciante. In pochi minuti i poliziotti del Commissariato hanno rintracciato in via Prè il malvivente, un italiano di 36 anni di origine partenopea con svariati precedenti penali, attualmente sottoposto alla misura della sorveglianza speciale, all’obbligo di firma quotidiano nonché all’obbligo di permanenza serale presso il proprio domicilio. L’uomo è stato arrestato e portato nel carcere di Pontedecimo

Più informazioni
leggi anche
via prè
La richiesta
Centro Est, tavolo sicurezza e telecamere: una mozione per Pré e Balbi

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.