Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Santa Margherita, 800 kg di rifiuti recuperati in mare

Santa Margherita Ligure. Quasi 800 chili di materiale raccolto in mare e smaltito secondo le norme vigenti. È il risultato del servizio di pulizia del mare ripristinato quest’estate dall’Amministrazione comunale di Santa Margherita Ligure grazie al contributo del Banco di Chiavari e della Riviera Ligure – Banco Popolare, della Camera di Commercio, del Sistema Turistico Locale, del gruppo Balneari e del gruppo Albergatori.

Il servizio, effettuato dalla Guardia Costiera Ausiliaria – centro operativo di Genova (organizzazione non lucrativa di Utilità Sociale – onlus) ha avuto inizio sabato 20 giugno ed è stato effettuato negli ultimi due fine settimana di giugno, e nei giorni di martedì, giovedì, sabato e domenica dei mesi di luglio e agosto.

Nel dettaglio sono stati raccolti: 183 chili di materiale plastico vario (buste, bottiglie, contenitori…); 467 chili di legname di forma e dimensione differente (tronchi, rami, tavole, pezzi di bancali…); 131 chili di materiale vario (lattine, polistirolo…).

Il servizio di pulizia ha interessato tutta la costa dalla scogliera di Pagana (confine con Rapallo) alla baia di Paraggi (confine con Portofino).

Dichiara il sindaco Paolo Donadoni: «Il miglior modo di promuovere la città è farla trovare pulita e accogliente. I turisti che quest’estate sono venuti a Santa Margherita Ligure hanno potuto fare il bagno in un mare da Bandiera Blu; più sicuro grazie alla presenza di due bagnini anche in una spiaggia libera. Per il secondo anno consecutivo, la nostra città ha ottenuto la Bandiera Lilla – riconoscimento attribuito a quelle località che favoriscono il turismo di persone con disabilità – e ha offerto un servizio di pulizia del mare che, come dimostrano i numeri, ha ottenuto risultati positivi. Continueremo su questa strada, valorizzando e preservando sempre meglio le nostre bellezze naturalistiche. Speriamo di poter proseguire la collaborazione con gli operatori presenti sul territorio perché unendo le forze si ottengono grandi risultati. La capacità di costruire delle sinergie ad ampio raggio, anche tra pubblico e privato, è un passaggio fondamentale per la qualità dei servizi ma anche per la promozione e la cura del territorio».