Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Parco fotovoltaico all’aeroporto, ecco le proposte dell’energy manager

Genova. Un parco fotovoltaico da 20 megawatt di picco realizzato da Società Autostrade a fianco della pista dell’aeroporto Cristoforo Colombo di Genova per compensare l’impatto sull’ambiente della costruzione della Gronda autostradale di Ponente e ridurre le emissioni di CO2. È il progetto presentato dall’energy manager del Comune di Genova Diego Calandrino a Palazzo Tursi durante la sua prima audizione in commissione comunale.

Gli uffici comunali hanno già presentato la fattibilità del parco fotovoltaico, che però spetta a Società Autostrade. Si tratta comunque di una delle prescrizioni della valutazione di impatto ambientale positiva del 2014 da parte del ministero dell’Ambiente.

I pannelli solari dovrebbero essere installati a mare della pista dell’aeroporto a Levante, vicino a una nuova area verde a Ponente, e che sia collegata alla Gronda attraverso un cavo elettrico privato da Sestri Ponente alla Val Polcevera.

Il Comune di Genova si è impegnato a ridurre entro il 2020 le emissioni di CO2 di oltre il 20% rispetto al 2005. Calandrino ha sottolineato che per ora è stato totalizzato solo il 20% dell’obiettivo.

Sono 12 le azioni del Piano d’azione per l’energia sostenibile che da sole coprirebbero più dell’80% della riduzione di CO2 tra cui: l’estensione della Blu Area in nuove zone della città, il rinnovo del regolamento edilizio, l’istallazione di un parco eolico da 12 pale e 18 megawatt all’interno del territorio del Comune di Genova, nuove piste ciclabili, la realizzazione di un impianto per il trattamento e il recupero energetico della frazione residua dei rifiuti solidi urbani post raccolta e lo sviluppo di sistemi di cogenerazione/trigenerazione.

Per quanto riguarda l’illuminazione è previsto un piano per diffondere il led in tutta la macchina comunale.