Quantcast
Replica

Nomine Datasiel in Regione, Toti: “Indipendenza e capacità, criteri ignoti al Pd”

toti albissola

Genova. “Comprendo lo stupore e lo sconcerto del Pd rispetto ai criteri con i quali questa amministrazione intende procedere alla nomina dei vertici di Datasiel, società di discutibile efficienza, fornace di denaro pubblico. Lo comprendo perché sono criteri a loro ignoti. Si tranquillizzino: questi criteri si chiamano capacita’, esperienza e indipendenza”.

A scriverlo su Twitter è il governatore della Liguria Giovanni Toti, rispondendo alla richiesta della capogruppo del Pd Raffaella Paita che chiedeva un consiglio regionale straordinario per discutere delle nomine della Datasiel.

“Trattasi di criteri che non nuocciono alla salute e aiutano la buona politica – scrive Toti -. Certo, deve aver lasciato sconcertato il PD ligure il fatto che la scelta di manager pubblici non ricada, come è accaduto sotto di loro per un decennio, su qualche trombato dagli elettori, qualche ex dirigente di associazione vicino al partito, qualche parente, qualche portaborse. Si abituino. C’erano due possibilità per il Pd: tacere per l’imbarazzo di dieci anni di scelte sbagliate, o
appoggiare la nostra decisione di rinnovare la politica anche sulla Liguria. Hanno scelto la terza via: quella sbagliata”.

leggi anche
cronaca
Politica
Nomine Datasiel, il Pd chiede un consiglio straordinario: “Rischio conflitto di interessi”