Maltempo a Valbrevenna, crollato portico del santuario di N. S. dell'Acqua - Genova 24
Disastro

Maltempo a Valbrevenna, crollato portico del santuario di N. S. dell’Acqua

nostra signora dell'acqua valbrevenna frana

Ancora acqua, ancora frane. E’ questo l’incubo della provincia di Genova mentre è appena finita la prima allerta di una stagione autunnale che si annuncia già lunghissima. La scorsa notte il maltempo ha intanto fatto registrare anche gravi danni ad edifici religiosi.

Quello maggiore si registra in Valbrevenna dove l’acqua ha fatto crollare il ponte e il porticato del Santuario di N.S. dell’acqua in in località Frassinello.

Si tratta di “un grave danno per il patrimonio spirituale e architettonico della Chiesa diocesana” come si legge anche sul sito diocesano. La chiesa attuale risale al 1744 si sviluppa in una sola navata e la facciata era adornata con un portico antistante che è andato distrutto ieri a causa dell’alluvione. Il ponte in cemento armato che collegava il santuario alla strada provinciale, anch’esso crollato ieri, venne eretto nel 1949.

Danni più contenuti si registrano invece nei fondi della chiesa parrocchiale di S.Fruttuoso in Piazza Martinez dove i locali ubicati sotto il livello stradale sono stati invasi dall’acqua. Ancora difficile quantificare l’ammontare dei danni.

Più informazioni
leggi anche
Nubifragio a Genova, negozi allagati e Borgo incrociati
Via canevari
Borgo Incrociati, tra paura e rassegnazione c’è già chi è tornato a spalare
Nubifragio a Montoggio (Foto da Croce Rossa Italiana Comitato Locale Vallescrivia)
Sopralluogo
Alluvione a Montoggio, Toti: “Governo allenti patto di stabilità”
Nubifragio a Montoggio
Esondazione
Nubifragio nella notte, esonda lo Scrivia: Montoggio di nuovo in ginocchio
valbrevenna lavori santuario
Una buona notizia
Valbrevenna in festa, dieci mesi dopo l’alluvione: il “miracolo” del Santuario
valbrevenna lavori santuario
Lavori a pieno ritmo
Alluvione, “rinasce” il Santuario di Valbrevenna: fine lavori entro ottobre
mundantigu valbrevenna
Più forti
U Mundantigu, da Valbrevenna un “calcio” all’alluvione