Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’Entella vola nel campionato Primavera. Castorina: “Stupire divertendoci”

"I successi del settore giovanile sono il risultato del lavoro di tutta la società"

Chiavari. Dando uno sguardo alla classifica verrebbe da pensare ad un sogno ad occhi aperti. E invece no. L’Entella guida la graduatoria del campionato Primavera con tre vittorie (di cui due in trasferta) nelle prime tre giornate, un risultato incredibile se si considera la giovane età della rosa a disposizione di mister Gianpaolo Castorina.

Nell’intervista al sito Entella.it l’allenatore spiega i motivi delle vittorie. Lavoro, dedizione e pochissimi calcoli: che sia forse questo uno dei segreti del successo dei diavoletti? 

“Quello della spregiudicatezza è un po’ l’input che come staff stiamo cercando di dare ai ragazzi. Li voglio concentrati però a quest’età devono conservare l’esuberanza e la voglia di divertirsi giocando: se si divertono, tutto diventa più facile. Questa è l’idea di calcio che mi piace”.

Preso atto dell’avvio di stagione dell’Entella, secondo te la Juventus vi affronterà in modo diverso da come aveva preventivato a inizio campionato?

“A quest’età secondo me non hanno ancora la capacità di fare calcoli sull’importanza o meno di una sfida: tendono ad affrontare ogni partita con lo stesso impegno. La maglia della Juventus darà quelche stimolo in più ai miei ragazzi, soprattutto a quelli che con un po’ di sana presunzione ambiscono ad indossarla un giorno”.

Sono tanti i ragazzi che si stanno mettendo in luce, su tutti Sene Pape, reduce dalla preparazione estiva con la prima squadra.

“Dietro all’esaltazione di un singolo c’è l’equilibrio di un gruppo. In questo momento ci sono alcuni ragazzi alla ribalta più di altri, prevedo dei cali e delle risalite, è normale quando si è giovani. Mediamente la squadra sta sfoderando prestazioni incoraggianti ma dobbiamo mantenere il profilo basso, non abbiamo ancora fatto niente”.

A proposito, servono doti da fine psicologo per tenere i piedi dei ragazzi saldamente ancorati a terra.

“Come staff siamo abituati a voltare sempre pagina, l’abbiamo fatto dopo la sconfitta in Tim Cup contro il Brescia così come dopo ogni vittoria. Un primo bilancio lo faremo a fine dicembre, quando sarà più facile inquadrare il nostro ruolo nel campionato. Noi ci alleniamo con grande serenità, andiamo al campo e lavoriamo sui nostri errori, perché comunque ne stiamo commettendo. L’entusiasmo è quello del primo giorno”.

Tanti ragazzi del settore giovanile ora sono in prima squadra, la Primavera guida il campionato: è un bello spot per il vivaio biancoceleste. 

“Stiamo raccogliendo il frutto del lavoro di tutta la società. Se in prima squadra e in Primavera ci sono giovani che si stanno mettendo in luce il merito è di tutti gli allenatori e dei loro staff che li hanno fatti crescere in questi anni e dei dirigenti che hanno scommesso su di loro. Quello sui ragazzi è un lavoro che coinvolge tutta la società e all’Entella sta dando grandi risultati perché c’è unità di intenti a tutti i livelli”.