Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La pubblica assistenza di Molassana: “Sui parcheggi stiamo lavorando con istituzioni”. Il 18 settembre inaugura il doposcuola

La festa saltata? "Scelta dei soci per risparmiare risorse da investire nell'acquisto di nuovi mezzi". Fino al 20 dicembre una lotteria per aiutare la Pam

Genova. Sulla questione posteggi per la pubblica assistenza di Molassana dopo l’allarme lanciato ieri da un volontario arrivano alcune precisazioni: “I problemi ci sono stati – spiega Cristina Scarfogliero, responsabile della comunicazione della Pam – ma sono in via di risoluzione grazie al lavoro che stiamo facendo insieme al municipio e al Comune. Abbiamo già un accordo con Sogegross per poter lasciare due automediche lungo la discesa del cantiere e il Comune ci sta trovando altri due posti in piazza dell’Olmo”. Tutto risolto quindi? “Non proprio tutto, ma le risposte stanno arrivando”.

Anche rispetto alla festa per i 40 anni della Pam saltata sembrava a causa della mancanza di una piazza idonea ci sarebbe un’altra spiegazione: “La scelta di non fare la festa è stata presa dai soci – dice la portavoce della pubblica assistenza – per risparmiare risorse da investire in nuovi mezzi. Una piazza, anche se non quella tradizionalmente utilizzata, il municipio ce la aveva messa a disposizione ma è stata fatta una scelta diversa”. Sempre per raccogliere fondi per nuove ambulanze è partita lunedì una sottoscrizione-lotteria che terminerà il 20 dicembre: “Tra usura e nuove normative dobbiamo sostituire tre dei nostri mezzi, per questo abbiamo deciso di rivolgerci alla cittadinanza, dalle aziende ai cittadini”.

Intanto il 18 settembre inaugura nella sede della Pam il doposcuola: “Abbiamo un gruppo di militi giovani che hanno molta voglia di lavorare con i bambini, così abbiamo organizzato un doposcuola per alcuni giorni la settimana dove i nostri volontari aiuteranno i bimbi del quartiere a fare i compiti ma organizzeranno anche giochi e spettacoli”.

Una cinquantina i militi volontari della Pam: “L’età media è molto giovane, basti pensare che il nostro presidente ha solo 25 anni – spiega Scarfogliero – per questo abbiamo scelto di fare attività nel quartiere a partire dai più piccoli”. In occasione del compleanno la Pam di Molassana snocciola anche i suoi numeri: “Svolgiamo circa 200 urgenze al mese, 50 servizi al giorno, 30 assistenze tra stadio concerti ed eventi vari e gestiamo l’auto medica Golf 3. I nostri volontari inoltre tengono corsi di Primo Soccorso nelle scuole e per la popolazione, la nostra squadra di calcio organizza partite per raccogliere fondi per la sicurezza dei bambini”.