Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova, in via Maritano un nuovo palazzo residenziale: 50 appartamenti a canone moderato

Previsti anche 11 posti auto pubblici, una zona dedicata alla raccolta dei rifiuti e circa 1.700 mq destinati a verde attrezzato

Genova. In via Maritano a Rivarolo verranno realizzati 50 nuovi alloggi da affittare a canone moderato, con un vincolo di durata di 15 anni. La decisione è stata presa dalla giunta comunale, su proposta dell’assessore alla casa Emanuela Fracassi.

Il progetto approvato prevede la costruzione di un nuovo edificio residenziale al posto di un vecchio capannone industriale, in un’area circoscritta a nord da via Maritano, ad est da via Ortigara e ad ovest dall’autostrada A7 Genova-Milano. Gli appartamenti saranno realizzati entro tre anni e verranno messi a disposizione delle persone e dei nuclei familiari che non riescono ad accedere al mercato libero a causa degli affitti troppo elevati.

Il progetto di costruzione, interante affidato a SPIM Società per il Patrimonio Immobiliare Spa, non ha richiesto varianti urbanistiche essendo conforme sia al Prg del 2000 sia al Puc recentemente adottato dal consiglio comunale e prevede anche la realizzazione di 11 posti auto pubblici, di una zona dedicata alla raccolta dei rifiuti accessibile ai mezzi e di circa 1.700 mq destinati a verde attrezzato con percorsi, panchine e giochi.

“Finalmente si dà il via – ha detto l’assessore alla casa Emanuela Fracassi – alla realizzazione di un intero edificio affittato a canone moderato. Una risposta al bisogno abitativo e alle difficoltà delle famiglie disagiate che non possono acquistare o affittare un alloggio a libero mercato, né richiedere una casa popolare perché, il pur basso reddito, non gli consente di collocarsi in posizione favorevole nella graduatoria. Nel corso della realizzazione del palazzo di via Maritano, che durerà tre anni – ha concluso l’assessore – verranno fissati, attraverso un bando, i requisiti per richiedere l’agevolazione, sulla base di un ISEE minimo che permetta il pagamento della locazione”.