Quantcast
Preso

Genova, droga nascosta in bocca e ingogliata: pusher arrestato in via Prè

via prè

Genova. Un’altro spacciatore dei vicoli è finito in manette. Gli agenti del commissariato di Prè, infatti, dopo aver posizionato la macchina in via Balbi, hanno raggiunto via Pré da un vicolo laterale per evitare di essere visti e sono riusciti ad individuare due uomini di colore che stavano confabulando con una terza persona, a cui hanno venduto un piccolo involucro estratto dalla bocca.

Il terzetto, accortosi della presenza del personale in divisa, è subito fuggito riuscendo temporaneamente a far perdere le proprie tracce, ma i poliziotti hanno iniziato un pattugliamento della zona, fino ad individuare un’ora dopo i due presunti pusher in via Balbi. Anche in questa occasione però i due, accortisi per tempo del personale in divisa, sono riusciti a fuggire.

Ma la storia non finisce qui. I poliziotti hanno posteggiato l’auto di servizio in via Gramsci dietro alcuni bidoni della spazzatura, quindi si sono posizionati dietro un chiosco in paziente attesa, mentre l’equipaggio di una seconda volante ha percorso via Prè. A quel punto uno dei sue sospettati è sceso di corsa dalle scalette di Vico Primo dello Scalo e questa volta il fuggitivo non ha potuto evitare gli inseguitori, ma ha reagito violentemente, spintonando gli agenti e sferrando calci e pugni, che hanno causato ad uno di loro un trauma giudicato guaribile in 3 giorni.

Durante le concitate fasi dell’arresto l’uomo, un cittadino senegalese di 32 anni, irregolare in Italia e con precedenti per reati in materia di stupefacenti, è stato visto deglutire qualcosa che teneva in bocca. Per questo è stato accompagnato in ospedale e sottoposto ad una tac che ha evidenziato delle iperdensità nello stomaco e nel colon, compatibili con la presenza di corpi estranei. Il 32enne è stato tratto in arresto per i reati di violenza e resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale ed è piantonato nella struttura sanitaria.

In serata, sempre personale del Commissariato di Pré ha coordinato un servizio straordinario sul territorio, avvalendosi di 5 equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine. Nel corso del servizio gli agenti hanno proceduto al controllo amministrativo di 4 esercizi pubblici e all’identificazione 42 persone, 20 delle quali sono risultate gravate da pregiudizi penali o di Polizia.