Quantcast
'ndrangheta

Genova, collabora con i giudici: massacrato dagli altri detenuti

 carcere marassi

Genova. Comincia a collaborare con la giustizia e per punizione viene massacrato dagli altri detenuti. E’ accaduto nel carcere di Marassi lo scorso luglio, ma la notizia è emersa solo adesso in occasione della trasferta del pm calabrese Giulia Pantano che sta interrogando la vittima.

L’uomo, 35 anni, dopo l’aggressione ha deciso di diventate definitivamente collaboratore di giustizia e ha chiesto ai magistrati liguri di essere ascoltato.

Secondo le sue parole sarebbe un affiliato della ‘ndrangheta a conoscenza di episodi avvenuti in Calabria e in Liguria. Il detenuto è stato ascoltato per due giorni a Genova. I magistrati liguri hanno trasmesso le registrazioni dell’interrogatorio anche alla procura di Reggio Calabria.

Il protagonista della vicenda avrebbe una serie di precedenti per assegni a vuoto, con i quali truffava i commercianti, e droga. Per l’aggressione la procura di Genova ha aperto un’inchiesta per lesioni e minacce a carico di ignoti. Dopo il pestaggio e la decisione di collaborare, il detenuto era stato trasferito una prima volta e poi una seconda.

leggi anche
Alice Salvatore
Polemiche
‘Ndrangheta in Liguria, botta e risposta tra M5S e Toti
Alice Salvatore (M5S): “Come mai non si sente più parlare di ‘ndrangheta in Liguria?”
direzione investigativa antimafia, dia
Cronaca
‘Ndrangheta, riciclaggio e bancarotta fraudolenta: perquisizioni anche in Liguria
cocaina caramelle
Liguria
La mano della ‘ndrangheta: maxi operazione anti-droga tra Liguria e Francia