Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“A Rapallo chiudono tutti gli alberghi?”: Capurro attacca l’amministrazione e chiede risposte

Rapallo. Attacco del consigliere Armando Ezio Capurro nei confronti della maggioranza per quanto riguarda la gestione del turismo, in particolare degli alberghi.

“Purtroppo il sindaco e l’assessore Maini, con l’assessore Lai, sono forse troppo impegnati a guardare gli scavatori che tolgono le alghe, a farsi fotografare con la famiglia Berlusconi, a fare viaggi sull’aereo di Volpi oppure fare cene con lo stesso e con Toti, a presentare un’opera pubblica ‘epocale’ come il marciapiede di via Matteotti, a cercare da mesi 100 mila euro per il progetto del San Francesco, a pensare a come fare per sprecare anche a Natale 2015 centinaia di migliaia di euro per la casa di Babbo Natale, a prorogare le gare senza fare appalti e a costringere la funzionaria addetta ai contratti a lasciare il comune e andare a lavorare a Genova e si dimenticano di informare i cittadini di quanto sta accadendo grazie alla loro brillante promozione del turismo e della città: Gli alberghi a Rapallo chiudono tutti, mentre a Santa ne aprono di nuovi a 4 stelle, come il Palace, e altri si stanno ristrutturando”.

A Chiedere lo svincolo, con domande protocollate nello scorso mese di agosto, sono Approdo, Villa Lia, Stella e Ambra. Chiedono lo svincolo rispetto al vincolo di destinazione d’uso a albergo imposto con deliberazione consiliare del 2009 (amministrazione Campodonico) e altre successive delibere.

“Visto che tutte le delibere di vincolo e tutte le delibere di rigetto di domande di svincolo sono state votate alla unanimità dal consiglio con un solo dissenziente che, purtroppo, è il sindaco Carlo Bagnasco; vista la legge regionale 10 del 2012, che permette ampliamenti a tutte le attività produttive, quindi anche agli alberghi per dotarli di quelle attrezzature e di quelle dimensioni da renderli competitivi; visto che a differenza di Rapallo a Santa nascono nuovi alberghi a 4 stelle e si migliorano e si ristrutturano molti altri,  chiedo perché non si sia informata la città e i consiglieri comunali di questi svincoli di massa, chi è l’operatore immobiliare che ha coordinato lo svincolo di massa di ben 4 alberghi, forse per poi avere l’esclusiva della vendita degli appartamenti; quando sarà portata in consiglio la pratica di svincolo e se anche l’Auxilium, in silenzio, sia stato svincolato”, conclude Capurro, che ora attende risposte.