Incubo

“Sei gay, non guardare il mio ragazzo”. Genova, massacrato sull’autobus: finisce in coma

E' accaduto a Caricamento. Denunciato l'autista del bus, che non è intervenuto

autobus bus amt 1

Genova. Scene da film su un autobus Amt, teatro di una vera e propria scena dell’orrore. Un orrore omofobo che porta la vittima in coma, con un ematoma celebrale.

Accade tutto nella notte del 14 luglio scorso. Un 40enne sale con un amico a Caricamento su un mezzo della linea 1. Sta tornando a casa, ma incappa nel branco. Una ragazza gli si rivolge dicendogli “gay di merda non guardare il mio ragazzo”. Lui si scusa, anche se non stava guardando, anche se non è neppure gay.

Non basta: in sei, tra di loro anche due donne, sono addosso ai due amici, li picchiano, forse usando anche delle catene. Le vittime ne escono malconce, riescono però a scendere dal mezzo e il 40enne torna a casa.

Racconta tutto alla compagna, ma non va in ospedale. Trascorrono pochi giorni e si sente male: viene ricoverato al Galliera e operato d’urgenza alla testa. Finisce in coma farmacologico ed inizia una lunga prognosi.

Ora si cerca di rintracciare gli autori del pestaggio. I carabinieri hanno intanto denunciato l’autista del bus per favoreggiamento perché non è intervenuto nè ha chiamato i soccorsi o le forze dell’ordine. Il pm Ranieri Miniati ha aperto un fascicolo per tentato omicidio.

leggi anche
Gay ligure aggredito a Budapest: la solidarietà dell’Arcigay
A Genova manifestazione sugli autobus contro l'omofobia
Sull'1
Genova, barista pestato su bus: Amt citata come responsabile civile
tribunale minori di genova
Messa in prova
Picchiato perché ritenuto gay, niente carcere per il più giovane degli accusati
polizia
Dopo un anno
Picchiò barista sul bus: di nuovo arrestato per rapina