Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Picchiato perché ritenuto gay, barista 44enne lascia l’ospedale Galliera

Una volta sciolta la prognosi potrà essere ascoltato dai carabinieri per acquisire elementi utili sugli aggressori

Genova. Ha lasciato l’ospedale Galliera questa mattina il barista 44 enne picchiato a bordo di un bus della linea 1 al capolinea di piazza Caricamento la notte del 14 luglio perché ritenuto gay. L’uomo è stato portato in un centro specializzato per nella riabilitazione.

“Il ferito – ha spiegato il direttore sanitario Giuliano Lo Pinto – è in grado di stare seduto, di alimentarsi e di parlare e ora ha bisogno di un periodo di riabilitazione per riprendersi completamente”.

Un miglioramento costante, dopo l’operazione d’urgenza per rimuovere l’ematoma celebrale causato dall’aggressione subita. “C’è stata un’accelerazione del recupero – aveva confermato solo ieri Lo Pinto – e questa settimana dovremmo sciogliere la prognosi”.

L’uomo, che fino a una settimana fa era alimentato attraverso un sondino, ora è in grado di parlare e di alimentarsi normalmente. Una volta sciolta la prognosi potrà essere ascoltato dai carabinieri per acquisire elementi utili sugli aggressori che lo hanno ridotto in fin di vita.