Quantcast
Il commissario

Pd ligure, Ermini a Genova forse già domani. Paita: “Gruppo Regione modello per coesione”

"Le defezioni e le polemiche all'interno del Pd genovese dimostrano che i problemi c'erano a prescindere dalla mia candidatura"

Genova. Potrebbe arrivare a Genova già domani David Ermini, il commissario del partito democratico ligure nominato dal premier Matteo Renzi per ricostruire l’agibilità politica del partito e traghettarlo fino al congresso. La data inizialmente fissata per l’arrivo era quella di venerdì , ma per lo stesso giorno a Roma è fissata una direzione nazionale a cui devono partecipare lo stesso Ermini e la capogruppo in Regione Raffaella Paita

“Non so ancora – ha detto Paita – se Ermini vorrà nominare una segreteria o se si tratterà di un gruppo di lavoro, ma trovo positivo che abbia detto di voler subito ascoltare tutte le componenti del partito sul territorio. Per quanto mi riguarda gli racconterò l’esperienza del nuovo gruppo in Regione che sta diventando un laboratorio importante di coesione che può essere un esempio per ricostruire l’agibilità del partito ligure”.

“E’ evidente che nel gruppo ci sono personalità che si sono anche scontrate – ha aggiunto la capogruppo – basti pensare a me e all’ex segretario Lunardon, ma in questi giorni stiamo lavorando compatti su contenuti forti, condividendo molte cose e trovando una sintesi su ciò che non condividiamo. E il nostro ruolo è ancora più importante se pensiamo che il centro destra finora ha detto e fatto davvero poco”.  Paita ha anche commentato la situazione del partito genovese con la fuoriuscita di due consiglieri del gruppo del consiglio comunale e le polemiche rispetto alla nuova segreteria nominata da Alessandro Terrile: “La situazione del partito genovese dimostra, se ce ne fosse bisogno, che i problemi nel partito esistevano a prescindere dalla mia candidatura”