Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Napoli-Sampdoria 2-2, “la signora in giallo” rimonta al San Paolo risultati

Con un gran secondo tempo, la Samp esce imbattuta dal San Paolo

Più informazioni su

Napoli. Sulla carta il confronto è impari… ma sul “green” del San Paolo, come sarà ? La “tradizione” non è favorevole e i numeri nemmeno… l’ultima vittoria blucerchiata a Napoli, risale a 17 anni fa (doppietta di Pierre Laigle)… chissà se il 17 sarà indigesto ai partenopei…. di certo i nomi degli “azzurri” sono altisonanti, ma gli “schemi Sarri” (nei pensieri del pre-partita) sembrano non essere ancora assimilati ed anche la condizione atletica non è apparsa essere al top nei precedenti incontri.

In ogni caso, ci vorrà la migliore Samp, per fare risultato e potrebbe non bastare… ma la novità del giallo delle maglie potrebbe “dare il la” a un vero finale “giallo”, se Viviano saprà vestire i panni di Piero Battara, quando scendeva, a cavallo degli anni ‘60/70, fra i pali napoletani a compiere miracoli in serie, tali da garantire lo 0-0… se Silvestre saprà giganteggiare in difesa… se Fernando riuscirà a dettare i tempi della manovra e lanciare “in contropiede” le frecce Eder e Muriel… se…

Peccato che con i se e con i ma, non si faccia la storia… vediamo quindi che succede al fischio di Gervasoni di Mantova, che arbitra la sfida fra questi due “undici” in campo:

Napoli (4-3-1-2): Reina; Maggio, Albiol, Koulibaly, Hysaj (dal 70° Ghoulam); Allan (dal 57° David Lopez), Valdifiori (dal 68° Jorginho), Hamsik; Insigne; Higuain, Callejon.

A disposizione: Rafael, Gabriel, Strinic, Henrique, Mertens, Dezi, Gabbiadini, El Kaddouri, Luperto.

Sampdoria (4-3-1-2) : Viviano; Cassani, Coda (dal 19° Zukanovic), Silvestre, Regini; Barreto, Paloombo, Fernando; Soriano (dal 79°Wszolek); Muriel, Eder (dal 87° Moisander)

A disposizione: Puggioni, Brignoli, Mesbah, Correa, Bonazzoli, Pereira, Carbonero, Oneto, Serinelli.
Si parte con la sorpresa Palombo in marcatura a uomo, a tutto campo, su Valdifiori, il regista del Napoli.

All’ 8° Higuain, su taglio in profondità di Insigne, brucia la difesa blucerchiata , anticipando l’uscita disperata di Viviano  (1-0)

Al 10° Insigne fa tremare il palo alla sinistra di Viviano, con un tiro ad effetto.

Dopo quest’azione, Zenga riporta Palombo nella sua posizione classica davanti alla difesa, con Soriano che da interno passa a fare il trequartista.

Al 19° esce Coda per un infortunio al ginocchio, sostituito da Zukanovic.

Al 29° pericolosa conclusione da fuori area di Insigne.

Al 32° ammonito Silvestre per fallo su Insigne.

Al 37° si registra il primo tiro in porta della Samp, abbondantemente a lato.

Al 39° palla filtrante di Allan per Higuain, che fulmina Viviano (2-0), con un’azione fotocopia di quella del primo goal, sviluppata questa volta sulla destra, anziché sulla sinistra.

Si va al riposo con un Napoli padrone assoluto del gioco, con la Samp mai entrata in partita.

Nella ripresa rientra in campo un’altra squadra, che al 56° accorcia le distanze su rigore per fallo di Albiol su Fernando. E’ Eder, dagli undici metri, a rimettere in gara il Doria (2-1).

Cambia la partita, la Samp prende fiducia e mette in difficoltà il Napoli, mantenendo larghe le punte, che poi si accentrano con”folate” più veloci del vento.

Al 57 ° esce Allan tra i partenopei e al suo posto subentra David Lopez.

Al 58° lo scatenato Eder semina gli avversari in area di rigore, realizzando uno strepitoso 2-2.

Al 63° Muriel va via in velocità, ma sul tiro da fuori area Reina compie il miracolo.

Al 68° Jorginho entra al posto di Valdifiori.

Al 70° Ghoulam per Hysaj alla ricerca da parte di Sarri di dare ampiezza alla manovra partenopea.

Al 75° giallo per Fernando (fallo di mano).

All’ 80° altra grandissima parata di Reina, che devia sulla traversa un bolide di Muriel.

All’ 84° incursione di Insigne, il cui tiro esce di poco sopra la traversa.

All’ 86° Wszolek entra per Soriano e si mette subito in luce con una bella azione sulla destra.

All’ 88° Zenga decide che un punto al San Paolo “fa classifica” e manda sul terreno di gioco Moisander (per Eder), con la Samp che negli ultimi minuti difende “a cinque”.

Partita dai due volti, con un tempo per parte e due goleador implacabili sui fronti opposti (Higuain e un Eder, che cedere adesso sarebbe “delittuoso”). Ottima anche la prestazione di Muriel (una spina costante per la difesa del Napoli), cui solo un grande Reina ha negato la doppietta.