Musica e alcol

Chiavari, lavoro nero e nessuna autorizzazione: scoperto circolo culturale abusivo

Ufficialmente si trattava di un'associazione senza scopo di lucro per la diffusione della cultura latino-americana

Chiavari. All’interno del locale la Guardia di Finanza ha sorpreso una ventina di persone, per la maggior parte di origine sudamericana, mentre ballavano o bevevano sedute al bancone o ai tavolini. Si è conclusa così l’esperienza di un sedicente circolo culturale, del tutto abusivo.

Il locale, che era stato dichiarato come un’associazione senza scopo di lucro per la diffusione e la valorizzazione della cultura latino-americana, organizzava serate con intrattenimento musicale, ballo e somministrazione di cibo e bevande, operando come una qualsiasi impresa commerciale del settore.

Non solo l’attività aveva usufruito delle agevolazioni fiscali senza averne diritto, ma dava lavoro, in nero, anche a tre persone.

Ancora, i finanzieri hanno constatato come il locale fosse privo anche delle autorizzazioni di esercizio rilasciate dal Comune, oltre che delle più elementari misure di sicurezza.

leggi anche
  • Esposto del municipio
    Musica troppo alta, pregiudicati e droga: chiuso per 10 giorni il circolo Jinni Passion di Sampierdarena
  • Cronaca
    Via della Maddalena: disposta chiusura per 50 giorni del circolo culturale del Principe
  • Cronaca
    Maxi rissa di Capodanno con accoltellamento: chiuso il circolo “La Daga” di Sampierdarena
  • In nero
    Lavoro, controlli a tappeto nei negozi: scoperti gli irregolari
  • Lotta all'irregolarità
    Pompe funebri, edilizia e ristoranti: lavoratori in nero a Genova e provincia
  • Evasione
    Guardia di Finanza, controlli in provincia di Genova: lavoro nero nel 40% delle imprese