Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, Praese, la parola al d.s. D’Addezio

Obiettivo primario della Praese è una salvezza tranquilla

Genova. Il ripescaggio in Promozione della Praese non ha colto di sorpresa il d.s. Andrea D’Addezio, che da tempo sta lavorando sul mercato, per potenziare l’organico di mister Gobbo, impegnato ora ad affrontare un campionato sulla carta molto competitivo.

“Il salto di categoria ci ha resi felici, ma passata l’euforia del momento, ci siamo buttati a capofitto sulle cose da fare, per rendere la squadra all’altezza della situazione”.

Da dove partite ? E prenderete altri giocatori utili alla causa?

“Partiamo dalla conferma dei nostri migliori giocatori, come Caffieri, Trovato, Cilione, Fravega, ai quali vanno aggiunti i nuovi arrivati Salas, Puggioni e Perego. E non ci fermeremo qui: adesso stiamo monitorando attentamente il mercato, pronti a cogliere al volo ogni eventuale occasione che prospettasse l’ingaggio di un difensore centrale d’esperienza”.

Sarà importante azzeccare i tre giovani (due ’96 ed un ’97), che dovranno giocare…

“Dato che disponiamo di un ottimo settore giovanile, pensiamo di non avere problemi al riguardo; con mister Gobbo stiamo facendo degli stage, con i nostri ragazzi, per conoscere meglio la nostra realtà calcistica e capire dove sistemarli al meglio in campo”

In passato la Praese, ogni qualvolta ha centrato l’obiettivo Promozione, non è mai riuscita a consolidare, nell’immediato, la categoria…. cosa è mancato sotto questo aspetto?

“E’ sempre difficile giudicare l’operato di altri; preferisco parlare del presente: ora il nostro obiettivo primario è rappresentato da una salvezza tranquilla, che consenta di gettare le basi per un futuro duraturo in queste categorie superiori. Ovvio che crediamo nel nostro progetto (basato su una programmazione mirata) e che vogliamo fortemente raggiungere i traguardi prefissatici… insomma la Promozione deve essere, nei prossimi anni, la nostra fissa dimora”.