Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rapallo, torna il Festival Organistico Internazionale

Rapallo. La diciassettesima edizione del Festival Organistico Internazionale, dal primo agosto al 26 di settembre, promossa come le precedenti dall’Associazione Culturale “Rapallo Musica”, si preannuncia come una delle più ambiziose degli ultimi anni.

Da un lato, la manifestazione, confermando il carattere itinerante che la contraddistingue dal 2009, toccherà anche quest’anno molte località della nostra regione, sviluppandosi attraverso un calendario di ben venti appuntamenti che come d’abitudine accompagneranno gli spettatori attraverso un viaggio ideale tra le Armonie Sacre del repertorio organistico di diverse epoche e stili.

D’altra parte, la presente edizione della rassegna ospiterà per la prima voltra due concerti per organo e orchestra: il primo suggellerà i lavori di restauro dell’organo storico custodito presso la Chiesa Parrocchiale di Santa Maria del Campo di Rapallo; il secondo vedrà la partecipazione, nell’ormai tradizionale appuntamento presso la Basilica Arcipresbiterale dei SS. Gervasio e Protasio di Rapallo, dell’Ensemble Vocal Michel Piquemal che giungerà da Parigi per esibirsi sotto la guida del suo fondatore in un programma interamente dedicato a musiche del compositore e organista francese Maurice Duruflé.

Come di consueto, sarà protagonista di entrambi gli eventi l’Ensemble Rapallo Musica, formazione orchestrale interamente costituita da giovani strumentisti liguri che si dedica sin dalla sua fondazione all’approfondimento del repertorio per organo e orchestra.

La città di Rapallo, dove la rassegna ebbe inizio nell’ormai lontano 1999, è ora quindi più che mai il centro propulsore della manifestazione, sia per la quantità dei concerti presentati – ben quattro – che per la qualità delle proposte artistiche che li caratterizzano.

Infine, la rassegna non rinuncia a presentare all’attenzione del pubblico diversi giovani organisti, ospitandoli nell’ambito dello stesso calendario che presenta anche quest’anno alcuni degli artisti di maggior spicco della scena concertistica internazionale, provenienti da Austria, Francia, Germania, Giappone, Italia, Spagna e Svizzera.