Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Proseguono i lavori al Nodo di Genova: le modifiche alla circolazione ferroviaria

Genova. Modifiche al programma di circolazione dei treni in Liguria, da sabato 4 luglio a domenica 6 settembre. Per consentire il proseguimento dei lavori per il nodo ferroviario di Genova, infatti, saranno chiusi due dei quattro binari tra le stazioni di Genova Brignole e Genova Piazza. Saranno modificati quindi gli orari dei treni regionali che transitano nel nodo di Genova.

Inoltre, saranno parzialmente cancellati 40 collegamenti e totalmente cancellati altri venti. Le cancellazioni parziali interessano i treni del tratto Genova Brignole-Genova Piazza Principe/Sampierdarena da dove sarà possibile proseguire con altri treni. Le cancellazioni totali interessano i treni regionali sulle linee: Genova Brignole – Alessandria (2), Genova Brignole – Busalla (4), Genova Brignole – Genova Voltri (7), Genova Brignole -Savona (3), Genova Nervi – Genova Voltri (2), Genova Nervi – Savona (1) e Sestri Levante – Genova Voltri (1).

Tutte le modifiche al programma di circolazione della circolazione sono consultabili su www.trenitalia.com.

In questa fase, lo scavo della nuova galleria “San Tomaso” sarà particolarmente complesso. I lavori, infatti, avverranno sotto l’attuale galleria ferroviaria “Traversata Nuova” nella zona fra le vie Palestro, Goito e Solferino. Per limitarne la durata e garantire l’esecuzione delle attività in sicurezza, il cantiere sarà operativo 24 ore su 24, sette giorni su sette.

Proseguono quindi gli interventi di potenziamento del nodo di Genova che prevede la realizzazione di due gallerie a semplice binario fra Genova Piazza Principe e Genova Brignole propedeutiche alla realizzazione di due nuovi binari fra Genova Voltri e Genova Brignole.

Il futuro assetto infrastrutturale consentirà di separare il flusso di traffico metropolitano da quello a lunga percorrenza – in particolare lungo l’asse costiero, da Levante a Ponente – permettendo l’aumento della frequenza dei treni regionali.