Politica

Profughi al San Martino, Forza Italia Giovani e Azione universitaria: “Vergognoso”

Genova. “Troviamo decisamente vergognoso che si vogliano ospitare alcuni immigrati all’interno di un edificio universitario situato nella ex clinica chirurgica del San Martino con la finalità di fare di tale edificio un centro accoglienza”.

Così Tomaso Giaretti, Consigliere Municipio I Centro Est e Coordinatore città metropolitana di Genova per Forza Italia Giovani, Francesco Montanaro, dirigente di Azione Universitaria Genova, e Francesco Demurtas, eletto negli organi accademici per Azione Universitaria e responsabile per il Municipio Medio Levante del movimento giovanile di Forza Italia.

Secondo Giaretti “è tragico che le autorità competenti scelgano un luogo come l’ospedale San Martino, situato in una zona abbastanza centrale della città, per accogliere immigrati, nel momento in cui tali strutture potrebbero essere adibite alla cura di malati ed anziani. E’ l’ennesimo sopruso di Prefettura e Comune che non pensano alle reali necessità dei cittadini contribuendo alla morte di Genova. Mi auguro che infine si faccia marcia indietro su tale proposta e si identifichino piuttosto con celerità i reali profughi distinguendoli dai clandestini”.

Per Montanaro invece “tali spazi dovrebbero essere inoltre accessibili agli studenti per svolgere attività didattica. Abbiamo un’Università che impone ai suoi studenti di assistere alle lezioni per terra, nei cinema, o in chiese sconsacrate. E’ assurdo che il rettore non pensi a queste priorità ma a dare il proprio assenso all’accoglienza indiscriminata in tali spazi agli immigrati”.

Prosegue Demurtas: “medicina in particolar modo è una facoltà martoriata ed in molti casi sprovvista di attrezzature didattiche degne di questo nome, ci aspetteremmo da Rettore e autorità una maggior attenzione ai bisogni degli studenti”. Infine, i tre giovani esponenti del centrodestra affermano: “che il Rettore parli di missione sociale dell’Università, riferendosi all’accoglienza dei profughi ci pare piuttosto sconcertante. La sua missione dovrebbe essere quella di permettere agli studenti di svolgere le lezioni in maniera dignitosa, mentre il compito dell’Università dovrebbe essere quello di formare la classe dirigente del futuro”.