Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Porto di Genova, lavoro “in nero” su uno yacht extra lusso di 40 metri: impresario nei guai

Genova. Uno yacht extra lusso di 40 metri nel porto di Genova, ma non è tutto oro quello che luccica, o almeno non era di certo tutto regolare quello che hanno scoperto gli ispettori del lavoro, coordinati dalla dottoressa Carmina Mancino, che sono intervenuti i carabinieri del Nil a seguito di una segnalazione su presunte irregolarità nell’inquadramento del personale.

Segnalazione quanto mai fondata, visto che i sette operai intenti ad effettuare il completo allestimento in legno della lussuosa imbarcazione, in passato proprietà di un noto stilista, erano tutti in nero. A fronte di una normale commessa, con l’ignaro armatore che aveva messo a budget quasi 300 mila euro per la completa riqualificazione interna in legno pregiato, la ditta artigiana di titolari italiani e operai italiani e stranieri ha ritenuto di procedere all’esecuzione dei lavori senza alcuna copertura assicurativa o previdenziale.

Ovviamente la verifica ispettiva ha rovinato i progetti dell’impresario: oltre al provvedimento di sospensione, revocato con il pagamento di circa 2 mila euro e la regolarizzazione dei 7 dipendenti, al titolare della ditta toccherà pagare per ciascun operaio una sanzione oscillante tra i 4 e i 5 mila euro, in base alle giornate di lavoro nero accertate, oltre al versamento dei contributi e premi.