Aerosol

Non solo caldo, attenzione all’inquinamento: l’ozono “sfora” ancora e non solo a Genova

Centralina per il controllo dello smog

Genova. Non solo al caldo, attenzione anche a cosa respirate. Il clima torrido di questi giorni estivi, infatti, favorisce il ristagno degli inquinanti. Lo confermano, da alcuni giorni ormai, i dati divulgati dalla Città Metropolitana.

Gli sforamenti dell’ozono nell’aria si sono registrati, nella giornata di ieri, per ben nove volte: 4 fra le 12 e le 16 a Genova in corso Firenze, con valore massimo fra le 14 e le 15 di ben 220 microgrammi per metro cubo (la soglia è a 180) e 5 fra le 12 e le 17 al passo dei Giovi, in comune di Mignanego, (valore massimo 195 mg/m3 fra le 13 e le 14).

Nella norma invece le concentrazioni di ozono registrate dalle altre centraline della Città metropolitana, sia a Genova che sul resto del territorio, e altrettanto nella norma la concentrazioni di tutti gli altri agenti inquinanti rilevati da tutte le centraline: monossido di carbonio, biossido d’azoto, diossido di zolfo e polveri sottili.

Non è finita: anche per le prossime ore il servizio meteo dell’aeronautica militare prevede condizioni favorevoli al ristagno degli inquinanti nei bassi strati atmosferici. Per questo si consiglia alla popolazione più vulnerabile di evitare prolungate esposizioni all’aria aperta.

leggi anche
cronaca
Afa record
Emergenza caldo, al Galliera 20 ricoveri. Il direttore sanitario: “Attenti a disidratazione e farmaci”
caldo termometro
L'afa aumenta
Livello di avviso per il forte caldo: l’umidità sale alle stelle
Vista sul golfo da Zoagli
Temperature bollenti
Meteo, Liguria nella morsa di caldo e afa: forse una pausa tra mercoledì e giovedì
san martino pronto soccorso
Caldo infernale
Febbre e disturbi respiratori, a Genova raffica di ricoveri per il grande caldo