I rifiuti di Genova nell'inceneritore di Piacenza: accolta la richiesta della Liguria - Genova 24
Soluzione a tempo

I rifiuti di Genova nell’inceneritore di Piacenza: accolta la richiesta della Liguria

Soluzione per massimo 50 giorni: la Liguria pagherà la normale tariffa, più 14 euro a tonnellata

Richiesta accolta: i rifiuti di Genova e della Liguria finiranno in Emilia-Romagna. Il sì definitivo è arrivato oggi, ma con paletti ben precisi: sarà l’inceneritore di Piacenza a smaltire 200 tonnellate al giorno per 50 giorni, non reiterabili, per un massimo di 10mila tonnellate in totale.

“Una quantità facilmente gestibile – ha spiegato l’assessore all’Ambiente dell’Emilia-Romagna, Paola Gazzolo – se pensiamo che la sola provincia di Rimini produce nel mesi di agosto quasi il doppio di rifiuti”.

“Piacenza è stata scelta per il principio di prossimità, e lo smaltimento rientrerà comunque nei limiti provinciali autorizzati. La Liguria pagherà la stessa tariffa dei cittadini piacentini, più un ristoro ambientale di 14 euro a tonnellata al Comune“.

La Regione ha accolto la richiesta perché quella della Liguria è un’emergenza vera. La decisione – ha concluso – è stata presa con il coinvolgimento dei territori e dei capigruppo dell’Assemblea legislativa, tutti hanno condiviso il nostro approccio, ad eccezione del M5s che ha perso l’occasione di dimostrare di condividere il valore della solidarietà”.

Più informazioni
leggi anche
raccolta amiu
Per l'organico
Rifiuti, il biodigestore di Genova sarà in Piemonte. Sensori su cassonetti per migliorare la differenziata
via mansueto certosa emergenza rifiuti
Tra pochi giorni
Rifiuti, assessore Giampedrone: “Pronti a siglare accordo per portarli in Emilia”
Rifiuti in Emilia, Odone (Uiltrasporti): “Soldi sprecati, serve tavolo per soluzioni concrete”