Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ex scuola di Nozarego, polemiche sulla vendita: “scontro” tra difensori e oppositori

"Curiosa la posizione di alcuni consiglieri che fecero addirittura ricorso"

Santa Margherita. Dopo l’annuncio della vendita dell’ex scuola di Nozarego, che porterà nelle casse del Comune circa 2,6 milioni di euro, sono subito iniziate le polemiche tra chi difende questa operazione e chi è completamente contrario.

“Mentre questi proventi potranno essere usati per interventi importanti, contestualmente un bene da anni in rovina potrà essere riportato all’onor del mondo (senza possibilità speculative vista la disciplina della zona), migliorando esteticamente un’area già di per sé meravigliosa – dichiara il gruppo Gente per Santa & Santa Protagonista – L’attuale amministrazione ha quindi portato a termine meritoriamente quanto iniziato dalla giunta De Marchi, dopo che questa aveva anche affrontato e vinto i ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato proposti dall’allora minoranza”.

Gente per Santa è compiaciuta dell’ottimo risultato: “Soprattutto per aver ‘folgorato sulla via di Damasco’ quei protagonisti che, dopo essere stati promotori dei ricorsi (da loro persi), hanno evidentemente capito l’importanza. Del resto la vicenda stessa della Farmacia di San Siro (molto simile come esempio di irresponsabile demagogia) dovrebbe aver insegnato qualcosa a qualcuno”.

Posizione diversa quella del gruppo di minoranza Insieme Santa nel Cuore, che dopo aver stilato un elenco delle opere per cui verranno spesi i soldi delle vendita (sistemazioni di marciapiedi, illuminazione, asfaltature, ecc.), ribadisce la necessità di utilizzare l’introito in investimenti duraturi e a favore della residenzialità, per poi sottolineare come, a distanza di poco tempo, cambino le opinioni di alcuni politici a seconda del posto che ricoprono.

Stessa denuncia arriva da Andrea Carannante, Pcl Tigullio. “Curiosa è la posizione di alcuni consiglieri che allora fecero addirittura un ricorso al Presidente della Repubblica e poi al Tar, alcuni oggi addirittura in maggioranza – dichiara – Sulla posizione di questi consiglieri dobbiamo dare ragione all’ex Sindaco Roberto De Marchi, il quale accusava unità dell’opposizione a scopi personali e non politici. Noi con la nostra coerenza continueremo a denunciare l’attacco ai beni dei cittadini da parte di amministrazioni dilettanti”.