Predavano i turisti

“C’è qualcosa sotto la sua auto”, poi la rapina: due arresti in via Gramsci

Genova. Hanno bloccato una coppia di giovani turisti cinesi che transitavano con la loro auto in via Gramsci. La scusa è stata quella di segnalare che sotto l’auto dei turisti ci sarebbe stato qualcosa. A quel punto uno dei due malviventi ha parto lo sportello posteriore dell’auto scappando con tutti i bagagli dei turisti. L’altro ha bloccato il 21enne che stava correndo all’inseguimento del complice.

I carabinieri della stazione della Maddalena, dopo aver tranquillizzato i turisti e dopo aver appreso alcuni particolari sulla descrizione dei malfattori, non solo hanno individuato i due responsabili, ma anche la loro l’abitazione. Bloccati ed identificati in A.B. e A.T. di 26 e 29 anni, rispettivamente di origine algerina e libica, i militari hanno trovato la borsa con l’intera refurtiva asportata poco prima; uno zainetto con all’interno una macchina fotografica, 12 obiettivi professionali, 5 macchine fotografiche, 5 telefoni cellulari, 300euro ed altro materiale elettronico.

La refurtiva recuperata è stata restituita ai due giovani cinesi mentre la rimanente è stata sequestrata. I due stranieri sono stati arrestati per rapina e ricettazione.