Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regionali, Pastorino risponde alla Paita: “Io come Bertinotti? Sciocchezza, il Pd faccia autocritica”

Più informazioni su

Liguria. “Il Pd ligure ha sbagliato tutto: dopo l’elezione alla segreteria regionale di Giovanni Lunardon e la candidatura di Paita si sono creati due percorsi paralleli che non si parlavano. C’e’ stato anche lo scontro con Sergio Cofferati per le primarie… e’ successo un disastro. Il Pd si merita il risultato che ha ottenuto”. Lo ha detto il candidato di Rete a Sinistra, l’ex Pd Luca Pastorino, invitando Paita e Renzi a fare una riflessione “profonda su quello che e’ stato, sull’evoluzione di questa candidatura prima e dopo le primarie.

La realtà dei fatti è che le persone si sono trovate di fronte a un Pd che voleva fare un’alleanza con la destra per prendere voti e invece non ha sfondato a destra e ha perso voti a sinistra. Anche se non fossi uscito dal Pd, Paita avrebbe perso comunque, noi abbiamo portato a votare quasi 60.000 persone molte delle quali, non sarebbero andate a sicuramente votare. Potevamo fare un pochino meglio”.

E a chi lo accusa di essere ‘il Bertinotti 2.0′ che toglie voti alla sinistra e fa vincere la destra, Pastorino replica così: “E’ una sciocchezza, quando uno dice queste cose e non vede che la gente non va più a votare, che la Lega sale e che il M5S in Liguria diventa il primo partito, secondo me ha perso di vista il senso delle cose”.

Per Pastorino “un altro dato determinante del voto e’ l’astensionismo e la crescita di Lega e M5s, frutto del malessere diffuso”. Pastorino pensa al futuro e all’ipotesi che da questo voto possa nascere una nuova formazione a sinistra. “Ho sempre detto che un nostro buon risultato avrebbe fatto riflettere molti sulla prospettiva di creare qualcosa di nuovo. Lo ribadisco, anche alla luce del pessimo risultato del Pd”.

Ultima battuta: se in Liguria si fosse andati al ballottaggio, avrebbe votato per Toti o per la Paita? “Avrei lasciato libertà di coscienza ai nostri e io avrei fatto scheda bianca” conclude Pastorino.