Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regionali 2015, Paita: “Pastorino ha rianimato Berlusconi. Noi lavoriamo per tornare al voto” foto

"Ho dato tutta me stessa, nonostante sia stata vittima di tiri incrociati, da ogni parte. Ma non mi abbandono allo sconforto"

Genova. Colpa di Luca Pastorino. Raffaella Paita, la grande sconfitta di queste elezioni regionali, conferma le dichiarazioni rilasciate a caldo dopo l’esito del voto delle scorse ore e attacca ancora a sinistra.

Raffaella Paita

Tante, secondo la candidata presidente del Pd, le ragioni di una “sconfitta pesante e significativa”, ma la principale rimane quell'”azione cinica e spregiudicata” che si è concretizzata in una spaccatura nei democratici.

“La rottura a sinistra – spiega – ha determinato un indebolimento della coalizione, se avessimo avuto con noi Pastorino, che ha fatto un risultato modestissimo, avremmo vinto. Ci sarà senz’altro una parte di responsabilità da addebitare ad ognuno di noi e a me stessa, ma l’elemento determinante è stato questo. Una operazione organizzata ad arte per far perdere il Pd e il cui unico respiro nazionale è stato quello di aver rianimato Berlusconi “.

Colpa anche di alcune questioni di politica locale, in primis il mercatino di via Turati “che andava gestito in maniera diversa”, così come le primarie dello scorso gennaio, definite “un vulnus”.

Alla fine è una Raffaella Paita commossa, dispiaciuta, ma non rassegnata. “Ho dato tutta me stessa, nonostante sia stata vittima di tiri incrociati, da ogni parte. Ma non mi abbandono allo sconforto. Ho telefonato a Toti per augurargli buon lavoro. Lui ha però una maggioranza molto risicata, che non potrà assicurare la governabilità, voglio chiarire: non c’è alcuna possibilità di fargli da stampella, noi siamo già al lavoro sulle singole questioni per accelerare i tempi e tornare al voto al più presto”.