Attesa

Partecipate, a Tursi il terzo round: prova del nove per la maggioranza

Consiglio comunale di martedì prossimo ad alta tensione, mentre domani si deciderà se riunirsi a porte chiuse

Il sindaco di Genova Marco Doria, quasi una settimana fa, è stato chiaro: o durante la prossima seduta ci saranno i numeri o andremo a casa. La settimana che si apre rischia allora di essere decisiva per la maggioranza di centrosinistra, alle prese con la delibera sulle aziende partecipate.

Per due volte consecutive il provvedimento, che vede fortemente contrari i sindacati, è saltato perché in Aula Rossa al momento del voto non c’erano i numeri sufficienti. Un chiaro segnale politico, seguito alla sostituzione di fatto dei consiglieri Antonio Bruno (fds) e Gian Pastorino (Sel) con quelli del Gruppo Misto Franco De Benedictis e Salvatore Mazzei.

Il tentativo di Doria di blindare la maggioranza, spostando l’asse verso il centro, sarà messo alla prova dal nuovo voto in aula, previsto per martedì prossimo. La tenuta della maggioranza così ridisegnata sarebbe il primo passo verso un possibile rimpasto in giunta.

Intanto i lavoratori delle partecipate affilano i coltelli: Amiu e Amt saranno a Tursi proprio in occasione del voto. Rimane da capire se il consiglio si terrà a porte chiuse: non è ancora stato deciso nulla, la parola definitiva la dirà la conferenza capigruppo di domani.

Più informazioni
leggi anche
  • Martedì
    Partecipate, per Amt assemblea a Tursi. I sindacati avvertono: “Prima di delibera devono convocarci”
  • Di nuovo al voto
    Partecipate, martedì nuova protesta dei lavoratori Amiu: “Sciopero o assemblea, in ogni caso saremo in tanti”
  • Nuovo flop
    Genova, tra malori e tensione salta ancora la delibera sulle partecipate: niente numero legale, 3 lavoratrici ferite
  • Maggioranza tesa
    Tursi, maggioranza verso il centro. Doria ai suoi: “O martedì ci sono i numeri o andiamo a casa”