Il corteo

In Val Bisagno la marcia per riavere i parcheggi: “Via Gherzi libera”

Residenti e commercianti in corteo fino al Municipio

Genova. Cittadini e commercianti sono scesi in piazza in Val Bisagno e hanno dato vita a un corteo, in collaborazione con Confesercenti, per chiedere il ripristino dei 120 posteggi di via Gherzi privatizzati dall’immobiliare Sant’Elena nell’agosto di un anno fa.

“Un provvedimento unilaterale che, andando a precludere la sosta in una delle poche aree disponibili di Molassana ha determinato una situazione di grave disagio per l’intero quartiere e già causato la chiusura delle prime attività economiche, con altre che rischiano di chiudere entro la fine dell’anno”, spiegano i manifestanti.

Il corteo di protesta, partito da via Gherzi alle 10, è arrivato fino alle sede del Municipio Media Val Bisagno, scandendo lo slogan #ViaGherziLibera. Gli organizzatori hanno scelto di dirigersi verso piazza dell’Olmo anziché fino a Palazzo Tursi in seguito alla decisione, da parte del Comune, di convocare per la giornata di oggi una seduta di consiglio a porte chiuse per motivi di sicurezza, dovendosi discutere in Sala Rossa la delibera sulle società partecipate.

leggi anche
  • Protesta
    Genova, parcheggi di via Gherzi: gli abitanti marciano sul Municipio
  • Protesta
    Genova, l’ultimatum di via Gherzi: “Parcheggi di nuovo liberi o scendiamo in piazza”
  • Cronaca
    Genova: in Valbisagno vertice dei commercianti su via Gherzi e Por di Molassana
  • Cronaca
    Parcheggi di via Gherzi, prima vittoria dei commercianti: “Il Comune chiede riapertura dell’istruttoria”
  • Parcheggi di Via Gherzi, i Comitati ritirano la richiesta di sospensiva