Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Rowing Club Genovese due volte Campione d’Italia foto

Genova. Sono stati assegnati nello scorso fine settimana i primi titoli tricolori della stagione presso il Lago Patria di Napoli. In acqua oltre 800 atleti provenienti da ogni parte d’Italia, con l’unico obiettivo di vincere l’ambito titolo nelle categorie Ragazzi, Under 23 ed Esordienti.

Il Rowing Club Genovese 1890 era presente con 15 atleti e con 6 equipaggi iscritti di cui ben 3 arrivati in finale: risultato che fa rimanere la società tra le prime venti d’Italia nella classifica Montu.

Grande soddisfazione da parte di tutta la società e degli allenatori per la prestigiosa vittoria del Doppio Ragazze femminile che con Sofia Tanghetti e Ludovica Costa si laurea campione d’Italia per l’anno 2015. Le due ragazze genovesi si impongono fin da subito in maniera decisa vincendo batterie e semifinali; in finale giungono prime sul traguardo con 12 secondi di vantaggio sulle ragazze della Canottieri Sile Treviso, alle quali comunque vanno i complimenti in virtù dell’alternanza di vittorie durante tutta la stagione. Erano 55 anni che il Rowing Club Genovese non vinceva un titolo in in specialità olimpica: il risultato raggiunto è segno dell’ottimo lavoro svolto dalle atlete e dallo staff, con la convinzione che possa essere solo l’inizio.

Incredibile risultato anche nel doppio Esordienti maschile, dove i due fratelli Emanuele e Marco Farinini giungono sul traguardo primi in finale laureandosi campioni italiani per l’anno 2015 in una gara molto tirata, regolando i ragazzi del Varese, giunti a 2 secondi, e i ragazzi dell’Elpis, arrivati a 31 secondi. Gara condotta con autorità fin dalla partenza dove a fare la differenza è stato probabilmente l’affiatamento tra i due fratelli creatosi in questi ultimi sei mesi nelle tante uscite a Genova Pra’ nel canale di calma sotto la guida dei coach che con pazienza hanno corretto le difficolta tecniche tipiche di questa categoria, curato l’aspetto fisiologico da non sottovalutare in due ragazzi al primo anno in questo sport e portati a fare esperienza nelle varie gare in giro per l’Italia.

In finale A anche il quattro con Under 23 composto da Giacomo Costa, Alberto Tanghetti, Michele Rebuffo e Lorenzo Brusato che al termine di una gara generosa e intensa giungono quinti ad appena 4’20” dal terzo posto. Risultato ottimo pensando soprattutto al fatto che gli atleti genovesi erano interamente sotto categoria essendo tutti e quattro ancora junior.

Stesso risultato e stesse considerazioni per l’equipaggio del quattro senza Under 23 femminile composto da Ludovica D’Epifanio, Carlotta Zamboni, Alessandra Blondet e Francesca Durando che al termine di una gara molto dura con avversarie “mondiali” chiudono al quinto posto in finale A di un campionato italiano.

Non riescono a centrale la finale i tre alfieri della categoria Ragazzi maschile Daniele Torbidoni (singolo), Matteo Boccardo ed Andrea Neri (doppio), che hanno sicuramente aumentato la loro esperienza e il loro bagaglio sportivo e umano, comportandosi comunque bene soprattutto nelle batterie del sabato mattina nelle quali hanno raggiunto buoni piazzamenti traguardando importanti obiettivi.

Applausi quindi alla società genovese: il presidente Alessandro Magnasco e tutto lo staff tecnico (nella foto sopra Giulio Basso e Claudio Bozzano insieme ai neocampioni italiani) per l’importante lavoro svolto che ha permesso di raggiungere obiettivi cosi importanti e prestigiosi frutto di sacrifici sia di tempo che economici che umani.

Vanno inoltre applauditi tutti i ragazzi che ogni giorno sudano e fanno sacrifici per questo sport duro e impegnativo, rincorrendo sogni che li portano a crescere dal punto di vista sportivo ma soprattutto da quello umano.