Nuovomarchio

GNV presenta la nuova livrea e guarda al futuro: “A fine luglio via al collegamento con Durazzo. Cuba? I traghetti li abbiamo” fotogallery

Il bilancio: "Prenotazioni estive meglio di sempre. La Sardegna? Restiamo osservatori, pronti a rientrare"

Genova. Grandi Navi Veloci ha presentato oggi, nel porto di Genova, la nuova livrea del traghetto La Suprema, simbolo e promessa del nuovo posizionamento della Compagnia: “E’ bellissima – commenta l’amministratore delegato Roberto Martinoli – frutto di una ridefinizione della nostra strategia di marca che ha fatto ripensare anche alla comunicazione verso l’esterno”.

La presentazione della nuova livrea è anche l’occasione per tracciare un bilancio dell’anno in corso: “Per quanto riguarda i passeggeri – spiega Martinoli – abbiamo avuto un inverno buono, una primavera sotto le aspettative e un inizio estate decisamente sopra le aspettative con numeri di prenotazioni come mai ne abbiamo visti nel passato”.

Le merci invece hanno risentito dell’incidente che ha coinvolto il ponte autostradale che collega Catania a Palermo: “Il traffico è stato positivo, purtroppo l’incidente del ponte che di fatto ha spezzato in due la Sicilia ci ha causato qualche problema di traffici provenienti dalla Sicilia orientale. Ci hanno garantito che in qualche mese andrà tutto a posto, quindi siamo fiduciosi che tutto tornerà alla normalità”.

Parlare di futuro significa anzitutto parlare di Albania: “Domani ci sarà il risultato delle elezioni amministrative e ci auguriamo che dopodomani venga fuori la nostra autorizzazione perché il 31 luglio prevediamo di fare il primo viaggio da Bari a Durazzo. E’ un mercato che ci piace molto e che ha analogia con i mercati nordafricani che già serviamo: c’è una comunità di 500 mila persone che vivono qui e che spostano regolarmente avanti e indietro, quindi è un business che ci piace molto”.

Il grande sogno resta Cuba, sogno che potrebbe anche diventare presto realtà: “Ho vissuto a Miami 10 anni conosco bene quella zona e conosco Cuba. Ora i due Governi hanno cominciato a parlarsi e hanno stabilito che cominceranno questi collegamenti via mare, ma hanno dato le autorizzazioni a compagnie che non hanno i traghetti. Noi i traghetti li abbiamo, Cuba la conosciamo bene, stiamo portando avanti un discorso e se valuteremo che lì c’è un’opportunità di business, non ce la lasceremo certo scappare”

Oggi GNV con 10 navi, quasi 1200 dipendenti, un fatturato di 311 milioni di euro e un indotto di oltre 960 milioni a favore dell’economia nazionale, GNV è la 5° Compagnia di traghetti al mondo per numero di letti disponibili, la nona per capacità di trasporto in metri lineari e la decima per tonnellaggio della flotta. La Compagnia ha negli anni avviato un processo di internazionalizzazione delle linee, e oggi opera 8 collegamenti con Marocco, Tunisia, Spagna e Francia, e 5 rotte nazionali verso la Sicilia e la Sardegna. A cui a breve si aggiungerà appunto l’Albania.

Rispetto alla Sardegna, dove la compagnia è ancora presente ma con un passo indietro rispetto al passato (resta solo la tratta Genova Porto torres) Martinoli precisa: “Restiamo in qualità di osservatori, se il turismo dell’isola ricomincerà a partire sul serio siamo pronti a rafforzare nuovamente la nostra presenza”.