Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giocano a calcio in piazza di giorno e di notte, a Rapallo scattano le polemiche. I giovani: “Per noi non c’è nulla”

Residenti esasperati dagli schiamazzi

Più informazioni su

Rapallo. Diatriba a Rapallo tra chi si lamenta per la presenza di ragazzi che giocano a palla nella zona della piazza del Comune e i giovani che si lamentano per la mancanza di spazi dedicati a loro.

“E’ consentito giocare a pallone in mezzo alla strada in un parcheggio pubblico, giorno a notte, a sprezzo della salute delle auto e dei motorini parcheggiati, adoperati come sponde?”, scrive Davide sulla pagina Facebook “Mugugno a Rapallo”. Un problema che, secondo quanto raccontato dai residenti, non si verifica solo di giorno, ma anche in piena notte, con tanto di schiamazzi e a volte gare di motorini.

Subito si sono scatenati i commenti, quasi 500 e tutti molto diversi. Due fazioni che si scaldano ognuna per difendere i propri diritti. C’è chi non trova giusto che si giochi in mezzo alle macchine, rischiando ovviamente di fare danni, ma sono altrettanto decisi i ragazzi e i loro “difensori”, che lamentano la mancanza di spazi adeguati.

“Vi lamentate tanto dei ragazzi che giocano a calcio in una piazza, ma i veri problemi sono altri. Tutto nasce dal fatto che noi non possiamo fare nulla, non abbiamo un posto per divertirci. Passiamo le giornate davanti al comune senza far nulla sperando in un qualcosa che accada. Andiamo nei parchi e giustamente ci rompono le scatole siccome ci sono dei bambini piccoli, i campi da calcio sono tutti a pagamento, non c’è mezza spiaggia libera, ma soprattutto pulita – scrive Matteo – Ricordate che il futuro siamo noi, quindi cercate di parlare al sindaco e trovare qualcosa per noi ragazzi”.

E sul fatto che servano spazi adeguati per i giovani si trovano d’accordo quasi tutti, anche chi si lamenta del gioco per strada.