Fine lavori

Con il naso all’insù a Genova Cornigliano: spettacolo per i nuovi giardini Melis fotogallery

Successo per lo spettacolo d'inaugurazione dello spazio, dopo sette mesi di lavori. Anche se non mancano i "mugugni"

Genova. Cornigliano continua a cambiare faccia, tra il successo dello spettacolo verticale ai giardini Melis e l’inevitabile “mugugno”.

A quattro mesi dall’inaugurazione della strada a mare, che ha ridato un po’ di respiro ad una via Cornigliano da sempre assediata dal traffico, si è tenuta ieri sera l’inaugurazione dei Giardini Luciano Melis.

Sette mesi di lavori e 400 mila euro spesi per riqualificare lo spazio proprio nel cuore della delegazione: troppi, secondo alcuni, così come troppo bassa sarebbe la nuova cancellata. Una soluzione escogitata per evitare che, durante le ore notturne, i giardini diventino “terra di nessuno”, ostaggio di vandali e ubriachi. L’accorgimento, si mogugna, potrebbe essere scavalcato con abbastanza facilità.

Ieri, però, era tempo di festa. L’inizio alle 21.30 è avvenuto con la Filarmonica Corniglianese e poi una inusuale e spettacolare esibizione di danza verticale. Due ballerine della compagnia di danza “Il Posto” , che per tutto il pomeriggio avevano provato sotto gli occhi curiosi dei passanti, appese alla villa che domina i giardini a volteggiare in aria. Sotto, gli abitanti con il naso all’insù e le note jazz di Marco Castelli Small Ensemble.

leggi anche
  • Cronaca
    Cornigliano, sabato 27 giugno inaugurazione dei giardini Melis