Cellulari nelle celle, droga e soldi nel doppiofondo delle scarpe: allarme sicurezza nel carcere di Marassi - Genova 24
La denuncia

Cellulari nelle celle, droga e soldi nel doppiofondo delle scarpe: allarme sicurezza nel carcere di Marassi

carcere marassi

Genova. E’ stata necessaria una perquisizione straordinaria per poter trovare un telefono cellulare nascosto in una cella del carcere di Marassi. “La sicurezza è indebolita e lo dimostrano i rinvenimenti di sostanze stupefacenti, anche se piccole quantità, e di telefoni cellulari”. Lo denuncia Michele Lorenzo, segretario del Sappe.

Secondo la segreteria provinciale del sindacato, le cause sarebbero da imputare alle modalità di controllo dei detenuti e dei tanti operatori che giornalmente accedono in Istituto.

“Questo, abbinato all’annosa carenza di personale ed alcune discutibili disposizioni sulle modalità operative in materia di perquisizioni su detenuti che accedono in istituto, hanno allentato le maglie della sicurezza – prosegue il segretario –  Si parla anche del rinvenimento di somme di denaro abilmente nascoste in un doppiofondo ricavato nelle scarpe di un detenuto, fermato dalla Polizia Penitenziaria all’ingresso dell’istituto.

“La Polizia Penitenziaria – conclude il Sappe – necessità di strumenti e di disposizioni che non allentino la morsa dei controlli, anzi considerato quanto è stato ritrovato nella perquisizione straordinaria, bisogna essere fautori di un sistema che aumenti la sicurezza ed i controlli agli accessi dell’istituto di Marassi”.

leggi anche
carcere pontedecimo
Cronaca
Carcere di Pontedecimo, Sappe: “Bruciata solo una maglietta. Nessuna rivolta”
carcere pontedecimo
La rivolta
Rivolta delle detenute a Pontedecimo: “inferno” di fiamme nel carcere