Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Servizi sociosanitari, Rosso e Balleari: “Possibile implementare il trasporto su taxi per utenti disabili”

Liguria. “Affiancare il prezioso servizio svolto dalle pubbliche assistenze del territorio a quello del trasporto pubblico non di linea rappresentato dai taxi può rappresentare una valida soluzione alla sempre maggiore richiesta da parte degli utenti disabili”.

Questa la proposta di Matteo Rosso, consigliere regionale, vicepresidente della commissione Sanità e candidato capolista di Fratelli d’Italia alle Regionali per la circoscrizione di Genova, e Stefano Balleari, vicepresidente del consiglio comunale di Genova.

“Ricordiamo che è già attivo, da anni e con buoni risultati, il servizio Taxi Blu a Genova che con macchine attrezzate di piattaforme per il carico delle carrozzine svolge un servizio molto apprezzato da parte dei disabili genovesi per brevi spostamenti di routine o per recarsi nelle strutture mediche – dicono Rosso e Balleari – da parte del Comune di Genova abbiamo già ottenuto importanti aperture, attraverso alcune determine, per dare maggiore elasticità al servizio offerto dalle auto bianche attrezzate che consentono spostamenti rapidi, calibrati sulle esigenze del paziente e a tariffe contenute in base ad accordi che si fondano proprio sulla pubblica utilità del servizio. Cercare una migliore e sempre più efficace integrazione tra il servizio Taxi Blu e le richieste dell’utenza con problemi di disabilità rappresenta un passo importante, da parte delle istituzioni, per garantire il sacrosanto diritto alla mobilità da parte dei portatori di handicap non solo nell’accesso alle cure ma anche negli spostamenti casa-lavoro o casa-scuola. Insieme all’assessore Dagnino e alla categoria dei tassisti genovesi, auspichiamo di poter individuare soluzioni condivise per dare un servizio in più a misura di disabile nell’ottica di una sempre maggiore collaborazione tra pubblico e privato con la massima attenzione agli utenti disabili”.