Mega yacht

Genova, processo Force Blue: pm chiedono quattro anni per Briatore

Secondo l'accusa avrebbe simulato un'attività commerciale di noleggio dell'imbarcazione, non pagando l'Iva per 36 milioni di euro

Genova. Quattro anni di reclusione. E’ questa la richiesta dei pm Patrizia Petruzziello e Walter Cotugno nei confronti di Flavio Briatore nel processo che lo vede imputato insieme ad altre quattro persone per reati fiscali legati al noleggio del mega yacht “Force Blue” sequestrato nel 2010.

I pm hanno chiesto 3 anni e 10 mesi di reclusione ciascuno per il comandante del Force Blue Ferdinando Tarquini e per Laurence Eckle Teyssedou, uno degli amministratori che si sono avvicendati nella società Autumn Sailing Limited, proprietaria dello yacht; 3 anni e 6 mesi per Dominique Warluzel nella sua qualità di amministratore e legale rappresentante della stessa società dal febbraio 2008 e 3 anni per Maria Pia De Fusco, amministratore unico della Autumn Sailing dall’aprile 2006 al febbraio 2008.

Secondo l’accusa Briatore avrebbe simulato un’attività commerciale di noleggio dell’imbarcazione per godere di tariffe agevolate non pagando l’Iva per 36 milioni di euro. Inoltre avrebbero indicato l’uso di carburante come esente dalle accise mentre doveva essere soggetto a imposte. Viene poi contestata l’emissione di fatture per operazioni inesistenti. E’ stata richiesta anche la confisca dello yacht.

leggi anche
  • Cronaca
    Megayacht Force Blue, Briatore a processo: Agenzia delle Entrate si costituisce parte civile
  • Cronaca
    Force Blue, Flavio Briatore rinviato a giudizio
  • Cronaca
    Force blue, Briatore in aula a Genova: “Non sono un evasore”