Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Empoli-Sampdoria, fra presente e passato… risultati

La Sampdoria vuole vincere al Castellani

Più informazioni su

Genova.  Domenica si gioca alle 12.30, bisognerà quindi rinunciare ai “pici all’aglione” in un ristorantino niente male di San Miniato (e perché no ? magari anche ad un piatto a base di tartufo bianco, uno dei vanti della cittadina)…

Ma dal lato scaramanzia, può essere un bene, perché il gusto dell’aglio rimase a lungo in bocca, quel dicembre del ’97, quando il Doria (sulla cui panchina era tornato Vujadin Boskov, in sostituzione di César Luis Menotti, “el flaco”, già campione del mondo nel ’78 con l’Argentina), venne travolto 4-1 dall’Empoli di Luciano Spalletti… nonostante un’illusoria rete di Franceschetti, ben presto resa vana da un doppio giallo a  Castellini e dai goal in superiorità numerica di  Tonetto, i Martusciello (due) ed Esposito… gente, quella empolese, compreso l’allenatore, poi venuta a giocare a Genova… tutti sponda Samp, tranne Martusciello ai grifoni…

C’era anche Sinisa Mihajlovic in campo, in veste di capitano… speriamo riesca a spiegare bene, ai suoi attuali giocatori. che ad Empoli si rischia, anche avendo in blucerchiato punte del valore di Vincenzo Montella.

Migliori i ricordi dell’anno della Serie B, ma anche questi ingannevoli… al punto da pensare che, per la Samp di Gianluca Atzori, la risalita in A potesse prospettarsi come una facile passeggiata. Reduce da due pareggi con Padova e Livorno e da una goleada al Gubbio (6-0), quella vittoria ad Empoli (3-1) alimentò false speranze, che solo la chiamata di Beppe Iachini e soprattutto l’acquisto di Eder, trasformarono infine in realtà.

Eppure, quel giorno, in molti – tornando a Genova, dopo aver assistito ai goal di quel giocatore che diventerà poi “Din Don” Pozzi (doppietta) e di Bertani – avrebbero scommesso su un brillante campionato da parte della formazione allestita da Pasquale Sensibile… questo per dire quanto tutto, nel gioco del calcio, sia aleatorio e in balia della sorte…

Come in molte altre occasioni fu un ex (Nicola Pozzi) a colpire, mentre Regini, in campo con l’Empoli, venne espulso, quasi al termine della gara, con relativo penalty a favore Doria …un’occasione fallita da Piovaccari. Anche in questo caso, chi poteva immaginarsi di vederlo giocare in Champions League, con lo Steaua Bucarest e nella Primera Division spagnola, con l’Eibar ?

E gli ex di domenica prossima ? Facile immaginare un Maccarone con il dente avvelenato da una parte, mentre Regini, appunto, Soriano e Coda (in panchina) torneranno con piacere a calcare l’erba del Carlo Castellani, in un tuffo nel passato.

Queste le presumibili formazioni agli ordini di Sarri e Mihajlovic :

Empoli (4-3-1-2): Bassi; Hysaj, Rugani, Tonelli, Mario Rui; Vecino, Valdifiori, Zielinski; Saponara; Pucciarelli, Maccarone.

A disposizione: Pugliesi, Biggeri, Sepe, Laurini, Somma, Barba, Piu, Signorelli, Diousse, Brillante, Croce, Mchedlidze, Tavano.

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; De Silvestri, Silvestre, Romagnoli, Regini; Acquah, Palombo, Obiang; Soriano; Muriel, Eto’o.

A disposizione: Romero, Cacciatore, Wszolek, Munoz, Coda, Duncan, Rizzo, Marchionni, Correa, Okaka, Djordjevic, Bergessio.