Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Viabilità, riaprono i cantieri per il by-pass di Manesseno: lavori finiti a settembre

Fulcro dell’opera è un ponte d’acciaio sul torrente Sardorella, lungo settantadue metri, a due sensi di marcia con due corsie da 3,5 metri e mezzo

Più informazioni su

Sant’Olcese. Tappa finale per la variante di Manesseno alla provinciale di Sant’Olcese, con la consegna dei lavori di completamento del nuovo by-pass stradale, “pronto entro il prossimo settembre” dice Giovanni Vassallo consigliere delegato ai lavori pubblici e viabilità della Città metropolitana che ha effettuato un sopralluogo sull’opera insieme ai tecnici dell’ente e delle aziende.

Dopo una lunga e faticosa fase di rallentamenti dovuti alle difficoltà finanziarie delle imprese, i cantieri sono pronti a riaprire “saranno realizzati i muri prefabbricati di sostegno per gli ultimi cinquanta metri di carreggiata nuova – dice Vassallo – necessari per collegare la strada sulla sponda sinistra nel Comune di Genova al viadotto d’acciaio che attraversa in diagonale il torrente Sardorella e si innesta a monte del centro di Manesseno sulla provinciale di Sant’Olcese. Dalla prossima settimana inizierà la costruzione dei cordoli in cemento armato e dei marciapiedi, poi sarà la volta dell’impianto di illuminazione e infine l’allestimento delle barriere laterali e della pavimentazione definitiva completerà la variante che, nel rispetto del programma aggiornato sugli interventi presentato anche ai cittadini, sarà pronta e aperta entro settembre”.

Fulcro dell’opera è un ponte d’acciaio sul torrente Sardorella, lungo settantadue metri, a due sensi di marcia con due corsie da 3,5 metri e mezzo, oltre a un marciapiede da 1,20 metri. Sulla sponda destra del Sardorella si innesterà sulla provinciale 2 a monte di Manesseno, mentre su quella sinistra sarà collegato da un nuovo tratto di una cinquantina di metri alla strada attuale lungo il torrente. La variante, realizzata dalla Provincia e finanziata con tre milioni di euro (2,4 dalla Regione con i Fas e 600.000 euro dalla stessa Provincia con fondi di bilancio) “migliorerà la circolazione e la sicurezza stradale, liberando da più di due terzi del traffico attuale l’abitato di Manesseno” dice Giovanni Vassallo.