Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tariffe agevolate per gli amanti della tecno: accordo tra First Festival e tassisti

Più informazioni su

Genova. Sono previsti circa 3.500 partecipanti da tutta Italia per il First Festival, l’evento dedicato alla musica tecno organizzato, per il secondo anno consecutivo, a Genova al 105 Stadium della Fiumara il 30 aprile, dalle 22.

Quest’anno gli appassionati del genere tecno potranno andare al First Festival e tornare a casa in tutta sicurezza, senza mettersi al volante. Grazie all’accordo stretto dalla Cooperativa Radio Taxi, insieme al Coordinamento sindacale taxi Genova, con gli organizzatori del First Festival, infatti, i partecipanti potranno usufruire della speciale tariffa fissa da 5 euro – minimo 3 passeggeri per auto – per tragitti inclusi nell’area compresa tra Genova Pra’ e piazza De Ferrari.

“La collaborazione – spiega Simone Gambaro, vicepresidente della Cooperativa Radio Taxi Genova – nasce dal comune obiettivo con gli organizzatori di questo evento di grandissimo richiamo per appassionati della musica tecno di un divertimento responsabile, che non metta a rischio la vita di chi, magari stanco per una lunga serata passata con gli amici o per aver bevuto un bicchiere di troppo, si metta poi al volante. Con le nostre tariffe agevolate vogliamo dare la possibilità a una platea decisamente ampia e popolare di poter tornare a casa o recarsi all’evento in taxi. Per l’occasione, i nostri volontari del taxi service saranno davanti al 105 Stadium per dare tutte le indicazioni necessarie a chi vorrà usufruire del nostro speciale servizio”.

“Questa notte di divertimento non deve essere sinonimo di notte di pericoli – spiega Luca Melchionda, della RST events che organizza il First Festival – Il nostro impegno, che abbiamo condiviso con la Cooperativa Radio Taxi, è di sviluppare campagne di prevenzione contro l’abuso di alcol tra i giovani e di combattere il mix pericolosissimo “drinking-driving”. Sappiamo che il 30-35% degli incidenti stradali mortali in Italia sono legati all’alcol: per combattere questa piaga sociale in passato abbiamo distribuito gratis anche etilometri”.