Cronaca

Spese pazze in Regione, Marco Scajola: “Sempre agito onestamente, sono sereno”

marco scajola

Liguria. Tra i 27 nomi di consiglieri ed assessori che risultano indagati nell’inchiesta sulle spese in Regione, è presente anche quello di Marco Scajola di Forza Italia. “Ho comprato dall’UNICEF di Genova biglietti per gli auguri natalizi – ha spiegato il consigliere regionale – utilizzando fondi destinati esclusivamente alle spese di cancelleria. Infatti in Regione non abbiamo a disposizione, come negli altri Enti pubblici, materiale cartaceo personalizzato da utilizzare nelle diverse occasioni di rappresentanza, ma ogni gruppo possiede una cifra esclusivamente destinata a questo scopo”.

“Ho deciso così di fare una cosa utile e allo stesso tempo di poter risparmiare, rivolgendomi ad una realtà umanitaria per comprare il materiale e far si che una grossa parte andasse in beneficenza. Se avessi comprato il materiale in una normale tipografia, come fanno tutti, paradossalmente non sarei andato incontro ad alcuna contestazione”.

“Per questo sono assolutamente sereno, confido nella Giustizia, e mi piacerebbe confidare nei suoi tempi. Ribadisco con forza che ho agito con onestà, trasparenza, rispettando la Legge e, da padre di tre bambini piccoli, sono orgoglioso di aver fatto in modo che venisse sostenuto un Ente di straordinaria importanza come l’Unicef. Ci tengo a puntualizzare l’accaduto per tranquillizzare gli amici e per mettere a tacere la bocca dei detrattori che si riempie troppo spesso di banalità”, conclude Marco Scajola.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.