“Seviziatrice di Bolzaneto”, Uil Penitenziari: “Non deve più entrare nel carcere di Marassi” - Genova 24
La richiesta

“Seviziatrice di Bolzaneto”, Uil Penitenziari: “Non deve più entrare nel carcere di Marassi”

carcere marassi

Genova. “Da anni chiediamo all’amministrazione penitenziaria di sospenderle il permesso di ingresso”. Così Fabio Pagani, segretario regionale della Uil Penitenziari, commenta la notizia dell’annullamento del convegno organizzato dalla Asl 3, dove come relatore doveva essere presente la dottoressa Marilena Zaccardi, attuale dirigente medico del carcere di Marassi e conosciuta con il nome di “seviziatrice di Bolzaneto” durante il G8 del 2001.

“La nostra richiesta è stata avanzata sia per i fatti del G8, sia perché non abbiamo mai apprezzato e condiviso i suoi metodi di gestione – prosegue Pagani – ora toccherà all’amministrazione penitenziaria intervenire, anche perché la popolazione detenuta legge i giornali e guarda la tv e la reazione potrebbe essere seria e pericolosa”.

“Oggi incontreremo il capo della Polizia Penitenziaria Regionale e pretendiamo un confronto anche sulle difficoltà che oberano la categoria e soluzioni sulle tante questiooni sul tappeto, a cominciare dall’onerosità degli alloggi di servizio e dei mancati pagamenti dei salari accessori, straordinari e quant’altro – conclude il sindacalista – ma non mancheremo di chiedere urgente intervento in merito alla dottoressa Zaccardi, considerato che al Convegno poi annullato era invitato anche lui e che la situazione comunque deve trovare rapida soluzione” .

leggi anche
stefano quaranta coord reg Sel
Cronaca
“Seviziatrice di Bolzaneto” a convegno, Quaranta (Sel): “Serve commissione d’inchiesta su G8”
Diaz 6795
G8
La “seviziatrice di Bolzaneto” ora parla di diritti, la Regione interviene e la Asl 3 sospende il convegno