Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Serie A2, ultimo atto per l’aLmore Genova: arriva Santa Marinella risultati

Si chiude una stagione travagliata ma comunque positiva

Genova. Al PalaDonBosco, domani, sabato 18 aprile alle ore 18, avversaria la formazione di Santa Marinella, va in scena l’ultimo atto della stagione 2014/15 dell’aLmore Genova: una stagione travagliata, iniziata con i rinvii e le difficoltà di allenamento dovute all’alluvione ed ai successivi allerta meteo.

L’esaltante successo, al primo impegno casalingo, con il Geas (una delle squadre ammesse al playoff di finale per la Serie A1) ed una serie di vittorie avevano lasciato intravvedere possibili scenari esaltanti per il finale di stagione, poi qualche scricchiolio, le dimissioni a dicembre di coach Vaccaro e la guida tecnica affidata ad Andrea Grandi, l’ammissione alla poule Promozione e l’infortunio (a gennaio) che ha definitivamente tolto dal campionato Alessandra Visconti, fino a quel momento la più efficace giocatrice in rosanero, che tatticamente ha costretto la squadra a snaturarsi. Inevitabile il conseguente ridimensionamento degli obiettivi, che probabilmente ha influito non poco sul calo di entusiasmo ed intensità della formazione.

“Tutto vero – concorda il presidente Besana -. La poule Promozione, esclusa la partita interna con la Magika, è stata assolutamente equilibrata e sarebbe bastato poco per conquistare qualche punto in più. Ecco, la mia delusione, parziale, sta proprio in quel ‘poco’ che in alcune situazioni non è stato messo in campo dalle mie giocatrici e che sarebbe stato comunque alla loro portata, come ha dimostrato l’ottima partita disputata a Castel San Pietro in casa della prima della classe. Con lo spirito e l’intensità visti sabato scorso ci saremmo tolti qualche soddisfazione in più“.

Abbiamo comunque conservato già da gennaio – prosegue Carlo Besana – la permanenza nel secondo campionato nazionale, che potremo disputare per il terzo anno consecutivo. E, a seguito del ritiro della Virtus Spezia dalla Serie A1, oltre ad essere l’unica formazione genovese impegnata in campionati nazionali di basket, rappresentiamo la massima espressione cestistica della nostra regione. E già questo è motivo di orgoglio”.

Anche coach Grandi concorda con l’analisi del presidente: ”A Castel San Pietro abbiamo mostrato la faccia ‘giusta’. Abbiamo il dovere di dare continuità alla prestazione vincendo. Salutare il pubblico con un successo avrebbe un sapore particolare. La squadra si è misurata con le più forti e ha capito che per sognare in grande manca ancora qualcosa. Ma si cresce. E il bilancio della stagione è ampiamente positivo e questo alle ragazze va riconosciuto”.

Per l’ultimo impegno stagionale potrebbe rivedersi in campo anche Alessandra Visconti.