Regione, presidente del Consiglio Boffa ai giovani del Mipa: “Non perdete fiducia nelle istituzioni”

Genova. Questa mattina il presidente del Consiglio regionale Michele Boffa ha incontrato 23 studenti del MIPA, il master per l’innovazione della pubblica amministrazione organizzato dal dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Genova.

Si trattava di laureati in Scienze politiche, giurisprudenza, conservazione dei beni culturale e amministrazione pubblica. Lo scopo dell’iniziativa, promossa dal presidente del master prof. Luca Gandullia e curata in particolare dalla docente Caterina Grisanzio, è avvicinare i giovani alle istituzioni e garantire loro una conoscenza diretta di quello che stanno approfondendo nei loro studi. I ragazzi hanno visitato l’aula consiliare e quella dell’Ufficio di presidenza.

Molte le domande di carattere tecnico, ma anche le curiosità sui problemi incontrati nel corso della legislatura e nella gestione dell’Assemblea regionale a cui ha risposto il presidente Boffa. “La seduta più impegnativa – ha detto – è stata quella relativa alla vertenza Amt. Avevamo quasi 500 manifestanti e volevamo garantire sia il dialogo costruttivo con loro sia la sicurezza di tutti i presenti”.

Ma il presidente Boffa non ha voluto eludere neppure le questioni che scuotono l’opinione pubblica e che sono quasi ogni giorno sono sulle prime pagine dei giornali. “Non perdete la passione politica – ha affermato – e la speranza in una politica giusta volta al bene comune. Ma soprattutto non allontanatevi dalle istituzioni: esse rappresentano un valore superiore a chi temporaneamente le gestisce. Solo la partecipazione può garantire la democrazia quindi preparatevi per garantire un ricambio della classe dirigente”.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.