Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regionali Liguria, Rossetti con Don Ciotti a Sampierdarena: “Democrazia non sta in piedi senza responsabilità”

Genova. Anche Pippo Rossetti ha portato il suo saluto all’incontro sulla lotta alla mafia organizzato dal Club Amici del Cinema di Sampierdarena che ha avuto nel fondatore di Libera l’ospite d’onore. “Le mafie vivono tra noi, e non in un mondo a parte. Siamo stati noi a permettere alle mafie di esistere e ce le portiamo dietro da secoli. Per questo serve uno scatto in avanti da parte di tutti, perché fino a che ci sarà la mafia il processo di liberazione del nostro paese, che celebreremo tra poco con il 25 Aprile, non potrà dirsi veramente compiuto”.

Con queste parole don Luigi Ciotti, presidente e fondatore di Libera, ha spronato tutti ad una chiara assunzione di responsabilità, intervenendo all’incontro dal tema “Mafia: la lotta e le confische” organizzato giovedì sera dal Club Amici del Cinema di Sampierdarena.

Responsabilità, appunto, è stata la parola chiave invocata a più riprese dal parroco, da cinquant’anni in prima linea nella lotta alla criminalità organizzata: “La democrazia ci offre due grandi doni che sono la dignità umana e la giustizia, ma non starà mai in piedi senza una terza gamba che si chiama responsabilità. È quella che chiediamo senza sconti alla politica e alle istituzioni, ma è quella stessa responsabilità che deve appartenere a ciascuno di noi. La denuncia dell’illegalità, seria e documentata, è indispensabile. Ma ci vuole, da parte nostra, anche “il coraggio di avere più coraggio”, e fare noi stessi scelte di impegno e, appunto, di responsabilità”.

“Ancora oggi, nel nostro paese, c’è qualcuno che non vuole la lotta alla mafia», ha proseguito don Ciotti, denunciando con forza i crimini dei “colletti bianchi”: «Il vero problema sono i poteri legali che si muovono illegalmente; quelli che ci rubano perfino le parole, perché la legalità oggi è diventata lo slogan di tutti, anche di chi la calpesta, o di chi la considera un valore negoziabile, da sbandierare fino a quando non interferisce con gli interessi privati. Molte di più, fortunatamente, sono però le persone che vogliono veramente combattere la mafia, ed è per questo che dobbiamo assumerci, ognuno di noi, la nostra parte di responsabilità, sostenendo un apparato legislativo che ci auguriamo diventi sempre più forte ed efficace”.

Sull’impianto legale si è soffermata anche la dottoressa Anna Canepa, della direzione nazionale Antimafia, secondo cui «la legislazione italiana è all’avanguardia, perché per prima ha saputo adattarsi alla metamorfosi delle mafie, che negli ultimi anni si sono globalizzate di pari passo con l’economia. Oggi, infatti, è più importante intercettare i beni dei mafiosi piuttosto che i mafiosi stessi, e le leggi varate negli ultimi trent’anni sono andate proprio in questa direzione, diventando un modello per gli altri paesi. L’altra faccia della medaglia, però, sta nei tanti, troppi e dolorosi fatti di sangue che ci hanno portato ad adottare questi provvedimenti, nonché nella considerazione che, ancora oggi, la legalità continua a non essere una scelta “conveniente” per molti nostri concittadini calati nei contesti socio-economici più difficili”.

Ha portato il suo saluto agli amici del Club del Cinema anche Pippo Rossetti che, rifacendosi alle parole di don Ciotti, ha ribadito come “la legalità è un tema che coinvolge ognuno di noi e nessuno può tirarsi fuori, dobbiamo partecipare tutti al risanamento etico del paese, all’utilizzo sociale dei beni confiscati, all’educazione sulla legalità nelle scuole. Penso anche al molto lavoro fatto per realizzare le stazioni uniche appaltanti, e proprio oggi in giunta regionale approviamo una delibera che definisce il coordinamento delle diverse stazioni regionali: lo strumento migliore per combattere l’organizzazione criminosa e perfezionare appalti e acquisti, non solo per risparmiare ma per avere il miglior risultato qualità-prezzo in piena trasparenza e regolarità. Proseguire nel rispetto dell’economia della qualità e non solo del ribasso, rispettando la dimensione delle aziende locali: una sfida fondamentale per la prossima giunta”.