Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regionali: ecco il programma di Melgrati su sanità, infrastrutture e turismo

Liguria. Marco Melgrati, capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale presenta l’estratto del suo personale programma, una via di mezzo tra quanto realizzato e quanto ancora da “fare” in Regione. Per quanto riguarda la sanità “Il mio impegno in questi anni in Regione, e per il futuro, sarà sempre a favore dei 4 Ospedali della provincia di Savona. Il mio ruolo in opposizione di questa giunta di Sinistra Burlando-Paita è sempre stato teso ad evidenziare quanto non funzionava nella Sanità del Ponente”, precisa.

Venendo al tema infrastrutture, invece, “Il programma del Centrodestra e mio in particolare prevede lo sviluppo delle infrastrutture. La Gronda Autostradale su Genova, il Raddoppio Ferroviario da Finale Ligure a Andora, per completare quel doppio binario che consentirebbe trasporti ferroviari più veloci verso le grandi città di Piemonte e Lombardia, per promuovere il Turismo. La realizzazione di altri tratti dell’Aurelia Bis, la realizzazione dell’autostrada Albenga-Predosa, che alleggerirebbe il traffico nei week end e nei ponti festivi lungo le direttrici di Milano e di Torino”.

Poi c’è l’urbanistica. “Ho contribuito in maniera significativa alla modifica della legge sui sottotetti, con l’ampliamento del limite temporale al 2014, che di fatto “salva” molti interventi realizzati dal 2001 al 2014; lo stesso per la legge 16/08, la legge sull’edilizia, con importanti emendamenti, uno su tutti la possibilità di demolire e ricostruire sul lotto di proprietà; anche molte innovazioni nella modifica della Legge Urbanistica regionale portano la mia firma. Ho promosso la cancellazione della Legge Regionale sulla sicurezza di chi lavora sulle Coperture (tetti) con un emendamento che fa salva la normativa nazionale, molto più “semplice” e chiara. Ho contribuito all’approvazione del Piano Casa, legge fortemente voluta da Silvio Berlusconi, e alla sua proroga fino a fine 2015. E noi ne estenderemo subito i termini! Lotta al Ptr, che non abbiamo consentito venisse approvato in questa legislatura, Piano assurdo e estremamente vincolistico”, prosegue.

Altro argomento di punta il turismo. “Ho dato un importante contributo alla modifica delle legge sugli Alberghi, la famigerata legge Ruggeri; oggi sono i Comuni a decidere se un Albergo deve rimanere sul mercato o se può essere trasformato. Inoltre può essere parzialmente trasformato, mantenendo un minimo di 25 camere, e i proventi della trasformazione destinati all’aggiornamento e alla riqualificazione della struttura alberghiera. E’ comunque necessario, e mi impegnerò in prima persona, a promuovere il marchio Turistico della Liguria sui mercati internazionali, in particolare sui bacini tradizionali di Germania e Svizzera. Nei 5 anni passati non sono state messe risorse sulla promozione turistica all’estero, e si sono visti i risultati. Come è necessario destinare risorse in conto capitale ed in conto interessi alle ristrutturazioni e riqualificazioni delle strutture turistiche ricettive, di bar e ristorazione, e degli stabilimenti balneari. Risoluzione definitiva con accordo con l’Europa del problema della Bolkestein”.

Infine, Melgrati parla di depurazione e ciclo dei rifiuti. “E’ necessario trovare una soluzione rapida alla Depurazione del Ponente Savonese. Non si può pensare di lasciare ancora città come Albenga con tutte le sue vallate, Alassio, Laigueglia e Andora prive di un impianto di Depurazione, penalizzando l’immagine turistica di tutto questo comprensorio. Come è fondamentale trovare una soluzione al ciclo integrato dei rifiuti, con un impianto di smaltimento finale in Liguria, che non può più essere il sistema delle discariche, vere bombe ecologiche a cielo aperto, e non si può pensare di costringere i cittadini e le Amministrazioni locali a una raccolta differenziata spinta, i cui costi gravano come sempre sui cittadini. Per esempio un impianto di pirolisi e gassificazione, privo di qualsiasi impatto ambientale. Questi e tanti altri sono i temi, i problemi e le criticità che la nuova Giunta dovrà affrontare”, conclude.