Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La città diventa più pulita: le novità sulla raccolta dei rifiuti e il lavaggio delle strade

Rapallo. Potenziare il servizio di pulizia e raccolta dei rifiuti in vista dei periodi di massima affluenza turistica in città. È l’obiettivo preannunciato ieri sera dall’assessore alla Gestione del Ciclo dei rifiuti, Arduino Maini, nel corso della seduta di consiglio comunale che verteva sull’approvazione delle aliquote IUC (IMU, TASI e TARI) per l’anno 2015.

Dopo il “test” nel periodo pasquale, quando numerosi ospiti hanno scelto Rapallo per trascorrere qualche giorno di vacanza, l’intenzione è anche quella di potenziare il servizio di svuotamento dei cestini per la raccolta della carta, proprio perché nei frangenti di massimo afflusso turistico è risultato carente.

Novità della prossima settimana è invece il lavaggio dei marciapiedi effettuato con il nuovo ed apposito macchinario di cui si è dotata la ditta Aimeri Ambiente, gestore del servizio di pulizia in città. Le operazioni interesseranno in prima battuta le principali arterie viarie cittadine, Via della Libertà e Via Mameli (dal centro fino alla zona di Siggi). Proseguono inoltre a cadenza settimanale le operazioni di lavaggio delle strade e dei cassonetti di raccolta dei rifiuti.

La sperimentazione dei servizi nei prossimi mesi sarà utile in vista della predisposizione del nuovo appalto per il servizio di pulizia. “Vedremo di apportare dei correttivi a ciò che ha funzionato meno nell’attuale servizio, oltre ad inserire novità e migliorie”, puntualizza ancora Maini.

Punto qualificante per le imprese che parteciperanno alla gara d’appalto è la possibilità di mettere in atto un pre-trattamento dei rifiuti indifferenziati. “Questo perché – precisa ancora l’assessore alla Gestione del ciclo rifiuti – ci siamo resi conto che il 50 per cento dei rifiuti che arrivano in discarica può essere ancora differenziato. Questo potrebbe fornire un’ulteriore spinta per raggiungere quel 65% di raccolta differenziata che la legge richiede. Personalmente sono fiducioso: nel mese di marzo 2015 la differenziata ha raggiunto il 56,69%, risultato positivo considerando che nello stesso periodo dell’anno precedente era ferma al 49%. Vedremo comunque di attivare nei prossimi mesi nuove iniziative di comunicazione di concerto con la ditta Aimeri per sensibilizzare ancor di più la cittadinanza a separare opportunamente i rifiuti”.

Il nuovo bando prevederà ancora il servizio di “raccolta di prossimità” con le postazioni dislocate sul territorio del Comune. “Un sistema sicuramente preferibile al “porta a porta”, per lo meno per quando riguarda il territorio di Rapallo e la sua conformazione – sottolinea Maini – Senza contare che, in certi periodi dell’anno, la popolazione cittadina passa dai consueti 30mila a circa 70mila abitanti, il che rende appunto il ‘porta a porta’ inapplicabile”.

In realtà il nuovo bando comprenderà un servizio di “porta a porta”. “Tuttavia, come sopra specificato, non interesserà le utenze domestiche, bensì unicamente le attività commerciali. Prevista una premialità anche per le imprese che, nel presentare la propria offerta, contempleranno l’assegnazione del servizio di spazzamento – in particolare in centro città – a cooperative sociali che impegnino rapallesi disoccupati. Un’altra voce importante riguarderà la pulizia degli arenili in conseguenza di mareggiate”, conclude.