Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Playoff scudetto, Bogliasco in acqua per la semifinale. Trucco: “Siamo pronte”

"Sappiamo che quello che ci aspetta è un grande obiettivo: così la fatica si sente meno"

Bogliasco. La Rari Nantes Bogliasco ha scritto una nuova pagina della sua storia. Per la prima volta gioca una semifinale scudetto e lo fa con la consapevolezza di aver centrato un obiettivo importante ma con la voglia di andare avanti. Primo appuntamento sabato 2 maggio alle ore 20 a Padova contro il Plebiscito, squadra vincitrice della stagione regolare.

Francesca Trucco parla della prossima sfida e del momento bellissimo che sta vivendo la Rari Nantes Bogliasco.

Che sensazioni state provando? “Siamo tutte molto contente, per la maggior parte di noi è la prima esperienza. Lo spogliatoio è sereno e soddisfatto ma non ci vogliamo accontentare di quanto fatto fino ad ora e rimaniamo concentrate. Per me è ancora più bello: prima partecipazione totale ad un campionato di serie A1 ed il fatto di essere arrivate fino a qui mi fa ancora più piacere“.

Le quattro ragazze terribili, insieme a te Cocchiere, Millo e Rogondino. Brave! “Grazie. Siamo proprio contente. Lo scorso anno ci sentivamo parte della squadra ma il nostro impegno non era fisso, in questa stagione abbiamo assaporato la sensazione di essere importanti in acqua, dal punto di vista tecnico“.

Per te a Padova sarà la prima volta, all’andata eri assente. “Ero all’estero con la scuola. Sarà un bel viaggetto ma staremo insieme. Prima di una partita, in questo caso così importante, è bello trascorrere del tempo con le proprie compagne di squadra, si costruisce il percorso verso l’appuntamento, aiuta anche a sentire meno la pressione, la testa è sgombra e possiamo concentrarci al meglio”.

Arrivate da un periodo di carico mica da poco. “Ci siamo allenate tanto, feste comprese e siamo contente perché sappiamo che quello che ci aspetta è un grande obiettivo. Così la fatica si sente meno“.

Padova che fino ad ora ha sollevato solo la Coppa Italia, con addosso le scorie della finale scudetto dello scorso anno ed il secondo posto in Coppa di questo. “Non sono un avversario facile. Dal punto di vista tecnico forse ha qualcosa più di noi ma la pallanuoto non è solo questo: abbiamo dimostrato quanto sia importante la volontà, il coraggio, la determinazione, in occasione della semifinale di Coppa Italia le abbiamo messe in difficoltà e sono andate in finale solo per i rigori, la ruota della fortuna. Saranno arrabbiate ma anche noi non vogliamo e non possiamo fermarci“.

Come si presenta il Bogliasco? “Carico, determinato e sereno. Soddisfatto di quanto fatto fino a qui, l’ambiente è ottimo, squadra e allenatore. Per me un anno magico. Ho avuto la preziosa possibilità confrontarmi con grandi giocatrici, soprattutto Giulia Rambaldi, stesso ruolo, mi ha seguito con tanta pazienza e credo di essere cresciuta dal punto di vista tecnico, tattico e di testa”.

Del Padova chi guardare con particolare attenzione? “Tutte”.

Ritroverete Alessia Millo, la sorella Giulia che dice? “Non vede l’ora di giocare, a Messina non venne perché non stava bene, è ancora più carica”.

Sabato a Padova e mercoledì prossimo ore 19,30 alla “Vassallo”. “Vogliamo la piscina piena, il paese segue tanto la pallanuoto e sarebbe bello provasse emozioni anche per la femminile. Li sento i discorsi, io bogliaschina da generazioni, la gente chiede come va la pallanuoto, ovviamente la squadra maschile, ma ci siamo anche noi e ben presenti. Quindi tutti in piscina che sarà un bello spettacolo noi che abbiamo la fortuna di avere entrambi i colori: rosa e azzurro”.