Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pietro d’Alì alla “Corsica per Due/Corsica per Tutti”

Genova. Pietro d’Alì parteciperà alla “Corsica per Due/Corsica per Tutti”, classicissima organizzata dal Comitato Società Veliche del Tigullio con partenza sabato 9 maggio.

Nato a Milano nel 1963, ma cresciuto nella riviera ligure, D’Alì vanta una grande passione per il mare e le barche, già a partire dall’età di 3 anni quando inizia a timonare il gozzo di famiglia. Dalle piccole derive dei primi anni ’80, ai monotipo con bulbo, alle classi IOR, alle grandi barche del giro del mondo, all’esperienza olimpica di Sydney 2000, alla campagna di Coppa America con il Team Prada, alle grandi regate e traversate in solitario e in coppia con Giovanni Soldini, alle regate con il Figaro.

D’Alì è skipper, navigatore, velista e regatante. “La sua adesione rappresenta un motivo di grandissimo interesse per il nostro evento – spiega l’organizzatore Franco Noceti -. D’Alì possiede una vasta esperienza, possiamo definirlo uno dei velisti più completi con una profonda conoscenza del mare”.

D’Alì, timoniere assieme a Carlo Brenco di Bet 1128 (class 40 vincitore della Roma x 1),andrà a caccia del record della regata stabilito da Marco Nannini quando, nel 2014, a bordo di Vela d’Altura, taglia il traguardo avvenuto dopo tre giorni, sette ore, trentatré minuti e venti secondi di navigazione con media teorica pari a 5,03 nodi.

Quasi sicuramente, questa volta, Nannini sarà assente a causa di un infortunio. Altro partecipante di rilievo è Pegasus, il class 950 di Pietro Boerio secondo la scorsa edizione e reduce dalla 900 Miglia di Saint Tropez. Per Boerio rinuncia all’appuntamento romano proprio per prepararsi al meglio alla “Corsica per Due/Corsica per Tutti”. Anche l’Azuree di Ballerini, già vincitore del Middle Sea Race, potrà dire la sua.

“Corsica per Due/Corsica per Tutti” è caratterizzata da un percorso di 400 miglia con partenza del Golfo del Tigullio, Giro della Corsica, lasciata a sinistra assieme a tutte le isole francesi, e ritorno. Si naviga in altura e sottocosta. “Aver rilanciato quest’evento nel 2014 – prosegue Noceti – e poter godere, un anno dopo, dell’attenzione di un campione come d’Alì ci inorgoglisce ed emoziona allo stesso tempo”. Scatta così il conto alla rovescia in attesa delle ore 23,30 di sabato 9 maggio, quando verrà data la partenza.

“Corsica per Due/Corsica per Tutti” gode della fondamentale collaborazione della Porto di Lavagna spa, società di gestione del porto turistico, che nel quadro del rilancio dell’approdo mette a disposizione posti barca e strutture a tutti i partecipanti alle regate. Per informazioni inerenti le iscrizioni si può chiamare lo 01851690412 oppure il 3355247308.

Safety World si occuperà della sicurezza, con il briefing rescue, mentre gli specialisti di Navimeteo terranno costantemente aggiornati partecipanti durante la regata. Assistenza tecnica a cura della veleria Wsail. In cabina di regia, appunto, il Comitato Circoli Velici del Tigullio, già organizzatore del Campionato Invernale Golfo del Tigullio e formato da Associazione Pro Scogli Chiavari, Circolo Nautico Lavagna, Circolo Nautico Rapallo, Circolo Velico Santa Margherita Ligure, Lega Navale Chiavari e Lavagna, Lega Navale Rapallo, Lega Navale Santa Margherita Ligure, Lega Navale Sestri Levante e Yacht Club Sestri Levante.

Corsica per due persone o per tutti, imbarcazioni da 8 a 18 metri con equipaggi completi, nasce nel 1994 quando un gruppo di velisti locali presero a modello regate tradizionali nel mondo anglosassone, come la Round Ireland and Britain Race, per creare una vera prova d’altura in Mediterraneo.

Il primo ad iscrivere il suo nome nell’albo d’oro della regata fu Juno Anicaflash di Gabriele De Bono, la barca più grande in gara e prima in tempo reale sul traguardo. Con il passare degli anni molti dei velisti più titolati hanno voluto legare il loro nome alla “Corsica per Due/Corsica per Tutti”: da Pierre Sicouri ai componenti della famiglia Malingri, dai ministi Moresino e Gancia ai fratelli Manzoli, da Mauro Pelaschier a Sandro Buzzi, Roberto Westermann e molti altri ancora, facendola diventare una vera e imperdibile classica.