Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Piazza della Giuggiola: cedimenti, tubi rotti e topi. Sfilata di moda provocatoria contro il degrado fotogallery

Più informazioni su

Genova. Una sfilata di moda provocatoria per denunciare il degrado di uno dei luoghi più pittoreschi della città vecchia. Si terrà sabato alle 16.30 al Carmine l’evento “Giri di fili: piazza della Giuggiola, un piccolo mondo da salvare”, la presentazione della collezione primavera – estate del laboratorio “La Giuggiola”, ideata da Marta Nadile.

In scena dalle 17.30, con il sottofondo ad hoc delle canzoni degli Skiantos e di “Freak” Antoni, capi in fibre vegetali, cotone, lino viscosa tutto rigorosamente naturale. Gli abiti verranno eccezionalmente indossati da abitanti della piazza, che sfileranno sulla passerella “provvisoria” posta dal Comune ad inizio marzo nell’adiacente salita Monterosso. “L’unica via d’accesso alla piazzetta era infatti quasi impercorribile a causa dei cedimenti del terreno”, spiegano gli organizzatori, che lanciano una forte denuncia.

“Al di sotto della passerella, realizzata in compensato rivestito con bitume, i profondi e pericolosi cedimenti della pavimentazione non sono più monitorabili; una tubatura rotta e maleodorante e la presenza sempre crescente di roditori rendono il transito a dir poco sgradevole. Tutto ciò, unitamente alle comunicazioni del Comune sull’avvio dei lavori del caso, mai mantenute, stanno esasperando i residenti, stanchi di un degrado che si trascina da tempo. Oltre alle difficoltà di accesso e vivibilità della piazza, in primis per molti anziani, anche la questione dell’igiene sta diventando primaria”, proseguono.

Il Comune di Genova, tramite l’assessorato Lavori pubblici e Manutenzioni, da fine 2014, ha più volte annunciato l’avvio del cantiere per la riqualificazione, richiesta dagli abitanti già dal 2011, a seguito di lavori malfatti sulla pavimentazione. “Finora sono stati però solo transennati (lo scorso autunno) e poi coperti, alcuni cedimenti della pavimentazione (pietre di fiume e creuze), con chiazze d’asfalto ed è stata posizionata una passerella “provvisoria” – spiegano ancora – La pavimentazione, intanto, continua a cedere in altri punti, tra la preoccupazione degli abitanti che cresce.

Le modelle che sfileranno sulla passerella in piazza della Giuggiola mostreranno “provocatoriamente” anche il logo del Comune, creato per promuovere l’immagine della città, con la frase “Genova more than this”

“Siamo allibiti dall’inconsistenza e dalla superficialità dimostrate finora dal Comune – conferma Marta Nadile – fa finta di non vedere il disagio che provoca ai residenti da anni, e non solo: a dicembre annuncia i lavori e a gennaio ci ingiunge di rifare la condotta fognaria minacciando un procedimento ingiuntivo (gli uffici comunali spesso ‘non parlano’ tra di loro)”.

Poi vengono annunciati i lavori varie volte; l’ultima il 27 febbraio di quest’anno. “Stiamo ancora aspettando e tutto tace – concludono gli abitanti – E la passerella (fatta solo per il transito dei pedoni) temiamo diventi stanziale”.